Se senti questo sapore in bocca potresti avere la piorrea: quali sono anche gli altri sintomi

Piorrea: se percepite questo cattivo sapore in bocca, potrebbe essere un chiaro segnale di infezione del cavo orale. Ecco come riconoscerlo.

Alito cattivo (Canva – Inran.it)

La piorrea è una patologia orale che si verifica a causa dell’accumulo di placca lungo le gengive. La placca è una pellicola appiccicosa e inflessibile, carica di batteri che continuano a emettere acidi e tossine dannosi per i denti, le gengive e le ossa della bocca. Porta alla malattia e alla perdita di ossa e denti.

Se non trattata, la placca si trasforma in una struttura dura e calcificata nota come tartaro. Il tartaro è la causa principale dell’infiammazione delle gengive, del sanguinamento, del dolore e dell’arretramento, tutti segni di piorrea.

Piorrea: questo sapore in bocca è uno dei primi segnali

Piorrea (Canva – Inran.it)

In sostanza, se si è compiacenti nei confronti dell’igiene orale in generale e non si segue la routine di spazzolare due volte e usare il filo interdentale una volta, si rischia di incorrere in molti problemi orali. Se non la piorrea, la carie e la perdita dei denti. Tra le condizioni mediche, il diabete ha un effetto diretto sulla salute delle gengive e non solo sulla piorrea, ma crea anche complicazioni, se si hanno già malattie gengivali.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Soffio al cuore: semplice riconoscerlo, occhio a questi sintomi molto chiari

Tra le abitudini di vita, il fumo è un killer per le gengive. È un buon motivo per smettere. Comporta perdita di tessuto osseo, malattie gengivali e carie. Inoltre, interferisce con il trattamento della gengivite. Anche il massaggio regolare delle gengive è importante.

LEGGI ANCHE –> Sarebbe questo il miele migliore per contrastare i radicali liberi e vivere meglio

Piorrea: le complicazioni più frequenti

La piorrea non trattata o in fase avanzata comporta il rischio di altre malattie come quelle cardiovascolari, le infezioni polmonari, il travaglio prematuro o la nascita di un bambino di basso peso se la donna incinta è infetta. Non provoca le condizioni sopra citate, ma ne aumenta solo il rischio.

Ulteriori complicazioni sono rappresentate da bolle gengivali ricorrenti (masse dolorose di pus), danni progressivi ai legamenti che collegano il dente al suo alveolo e perdita dell’osso alveolare – l’osso della mascella che contiene gli alveoli dei denti. La gengivite necrotizzante acuta o ANUG è uno stadio avanzato della gengivite che può causare gravi danni ai tessuti delle guance e delle labbra.

La piorrea è completamente curabile. Il principale trattamento in studio consiste nella rimozione della placca dalla superficie del dente e delle gengive. Il metodo di trattamento della piorrea prevede la rimozione dell’eccesso di placca/tartaro dai denti e dalle loro radici.

CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM E NON PERDERTI I NOSTRI VIDEO E LE NOSTRE STORIE SU INSTAGRAM E TIK TOK

Il dentista inoltre lucida i denti e li tratta con il fluoro. Per favorire una rapida guarigione, è necessaria una pulizia profonda delle tasche parodontali. A volte vengono prescritti anche antibiotici per controllare la progressione dei batteri e della placca. Gli antibiotici possono essere applicati o assunti o entrambi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.