Quali dolci natalizi può mangiare chi soffre di diabete: tutte le linee guida per stare bene

Soffrite di diabete ma non vorreste rinunciare ai dolci natalizi? Scopriamo insieme quali dolci della tradizione è possibile consumare.

Dolci natalizi diabete
Quali dolci mangiare a Natale se soffri di diabete? (Fonte foto Canva)

Durante le festività, le tentazioni gastronomiche si moltiplicano. Si possono mangiare i dolci natalizi se si soffre di diabete? In primo luogo, è essenziale precisa che dovremmo rivolgere questa domanda al nostro diabetologo: solo sulla base di un’accurata analisi delle nostre condizioni di salute e altri fattori strettamente personali, infatti, sarà possibile ricevere una risposta adeguata. Esaminiamo insieme delle linee guida, che non sostituiscono il parere del medico.

Iperglicemia e Natale: si possono mangiare i dolci?

Diabete Natale
Biscotti (Fonte foto Canva)

Il diabete è una malattia cronica causata dal compromesso funzionamento dell’insulina o da un’alterata quantità di questa sostanza, che determina la presenza di elevati livelli di glucosio nel sangue.

Seguire un regime alimentare rigoroso, quindi, è indispensabile per tenere sotto controllo la glicemia, evitando pericolosi picchi glicemici che potrebbero mettere a rischio la salute.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Diabete: dal 1 dicembre cambia tutto sulle medicine che prendi in farmacia

In particolare, occorre prestare attenzione al consumo di cibi ricchi di zuccheri e carboidrati.

Va da sé, dunque, che i diabeti non dovrebbero mangiare abitualmente i prodotti dolciari. È possibile fare un’eccezione a Natale?

La risposta, che non tiene conto delle specifiche situazioni e va pertanto necessariamente ingrata dal parere medico, è sì: scopriamo insieme quali dolci natalizi si possono mangiare con il diabete.

Diabete, quali cibi natalizi si possono mangiare?

In primo luogo, è consigliato evitare di mangiare i prodotti dolciari industriali: molto meglio consumare dolcetti fatti in casa, con ingredienti genuini.

Partiamo dai grandi classici della tradizione: possiamo concederci una fetta di panettone o pandoro se soffriamo di diabete? L’alimentazione è una questione di equilibrio. Quindi, sebbene non sia raccomandato, laddove possibile potremo fare un piccolo strappo alla regola, senza eccedere con le porzioni.

L’ideale sarebbe preferire preparati a base di farine integrali o di legumi, come la farina di tipo 2 e la farina di ceci.

LEGGI ANCHE: Galateo degli ospiti: se hai ricevuto un invito per Natale, segui questi piccoli consigli

In ogni caso, è bene evitare i dolci a fine pasto: infatti, rischierebbero di aumentare fortemente il carico glicemico. Allo stesso modo, non dovremmo mangiare la frutta secca dopo mangiato.

In entrambi i casi, potremo concederci piccole quantità tra un pasto e l’altro, a mo’ di spuntino.

Mai dimenticare di misurare la glicemia, prima e dopo i pasti: questa operazione aumenterà la nostra consapevolezza sui cibi maggiormente responsabili dell’aumento della glicemia, permettendoci di intervenire.

NON PERDERTI I NOSTRI VIDEO E LE NOSTRE STORIE SU INSTAGRAM E TIK TOK

Infine, una volta terminate le feste è importante tornare a seguire il regime abituale alimentare, rispettando con rigore la dieta quotidiana, così da compensare le eccezioni fatte durante le feste.

Seguendo questi piccoli consigli potremo goderci il piacere di un buon pasto condiviso in compagnia, senza sacrificare la nostra serenità e serenità nei giorni di festa.

CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.