Attenzione | Rimettere in freezer un alimento scongelato potrebbe essere un grave errore

L’ISS spiega perché rimettere in freezer un alimento scongelato comporta dei possibili pericoli per la salute. Non va mai fatto.

Del cibo congelato nel freezer
Del cibo congelato nel freezer (Foto Canva – Inran.it)

Rimettere in freezer un alimento scongelato, quante volte abbiamo sentito che si tratta di una pratica del tutto sbagliata? La cosa corrisponde al vero, ed i motivi per i quali dovremmo evitare di fare questo sono presto spiegati. Infatti ci possono essere delle conseguenze per la nostra salute, nel caso in cui facessimo questa cosa.

E specialmente se rimettere in freezer un alimento scongelato dovesse far parte delle nostre abitudini ripetute più vote alla settimana, ci potrebbe essere un aumento di esposizione ai rischi. Una cosa che tra l’altro potrebbe aumentare di frequenza nel corso di periodi particolari dell’anno, come ad esempio le festività di Natale.

Occorre fare attenzione quindi nell’evitare di rimettere in freezer un alimento scongelato. E questo a prescindere se dal freezer abbiamo tolto un alimento precedentemente congelato o surgelato. La differenza tra i due sta nella rispettiva esposizione alle basse temperature.

I cibi congelati vengono tenuti tra i -7° ed i -12°, mentre quelli surgelati restano costantemente ad una temperatura che va oltre i -18°. Questa cosa avviene in particolare a livello industriale tramite appositi macchinari, i cosiddetti abbattitori, che possono tenere i cibi fino anche a -40° raggiungendo questi valori di temperatura tra l’altro con maggiore facilità.

Rimettere in freezer un alimento scongelato, l’ISS spiega perché non va fatto

Cibo congelato nel freezer
Cibo congelato nel freezer (Foto Canva – Inran.it)

Tornando al ricongelare un alimento che già era stato una volta in congelatore, l’Istituto Superiore di Sanità spiega perché questa cosa dovrebbe avvenire una sola volta. Rimettere degli alimenti nel freezer infatti potrebbe fare da veicolo per un importante movimento di batteri e di virus.

LEGGI ANCHE: Il dolce delle feste fallo con il prosecco e non vorrai più farne a meno: è buonissimo!

Questa cosa però avviene nel caso in cui il cibo in questione sia crudo. Quando invece è stato sottoposto a cottura prima di essere congelato o surgelato, la carica di microrganismi dannosi al suo interno dovrebbe essere nulla. Proprio perché una cottura a più di 70° fa si che ogni corpuscolo indesiderato si dissolva.

LEGGI ANCHE: Non è festività di Natale senza l’insalata di rinforzo: la ricetta facile e veloce che ti conquisterà

Quando però un alimento si raffredda può avvenire di nuovo una contaminazione, quindi è comunque importante agire con il massimo della cautela ed evitare un ricongelamento od un risurgelamento di qualcosa che già era stato tenuto a basse temperature.

LEGGI ANCHE: Devi preparare un contorno con le patate? Ti insegno un trucchetto per sbucciarle in pochi secondi

Mentre lo scongelamento richiede un trasferimento dal freezer al frigorifero, dove la temperatura è più alta e nel giro di qualche ora il ghiaccio e la brina dei cibi svaniranno. Oppure si può passare anche direttamente al forno a microonde.

CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM E SEGUI I NOSTRI VIDEO E LE NOSTRE STORIE SU INSTAGRAM e TIKTOK

Mai lasciare invece a temperatura ambiente o sotto acqua corrente per poi lasciare l’alimento su un tagliere o sul piano cucina. Queste ultime due pratiche favoriscono infatti la contaminazione batterica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.