Cosa c’entrano le piante con lo Yoga? Il legame che non ti aspetteresti mai

Piante e yoga sembrano due mondi distanti tra loro; in realtà, però, c’è un aspetto particolare che li accomuna: ecco quale.

Donna che fa yoga
Qual è il legame che lega lo yoga e le piante? (Fonte foto Canva – Inran.it)

Amate praticare yoga o siete appassionati di giardinaggio? Sappiate che queste due attività hanno in comune un’affascinante metafora, che tocca concetti profondi come la cura di sé e degli altri, la crescita personale e la prosperità. Scopriamo insieme qual è il nesso che lega le pratiche ascetiche e meditative alla cura degli organismi vegetali.

Piante e yoga: una metafora sulla crescita personale

Qual è il legame che lega lo yoga e le piante?
Donna che fa yoga (Fonte foto Canva – Inran.it)

Il termine yoga proviene dal sanscrito e significa unire: questo complesso di pratiche, infatti, viene descritto come l’unione della coscienza individuale e di quella universale.

Si tratta non solo di un percorso spirituale, ma di un’attività volta a favorire l’equilibrio di mente, corpo ed emozioni, toccando ogni aspetto della persona. Proprio nella prospettiva di riconciliarsi con se stessi e il mondo, lo yoga favorisce l’adozione di una prospettiva altra rispetto all’antropocentrismo: l’essere umano non è il padrone della Terra, abitata da numerose altre creature, piante comprese.

Anche negli organismi biologici, infatti, sono rintracciabili i processi della vita: essi si nutrono, prosperano e muoiono.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Lo Yoga come antistress naturale: il segreto per vivere più serenamente

La metafora che accomuna lo yoga e le piante, dunque, fa riferimento alla crescita personale: la loro necessità di acqua, luce solare e cure affinché possano fiorire è analogo al bisogno umano di investire e lavorare su di sé per aumentare la propria consapevolezza e sbocciare.

Lo yoga, quindi, è un invito a prenderci cura di noi stessi e del nostro benessere fisico, emotivo e psicologico, così da combattere il malessere e ritrovare l’equilibrio e la serenità.

LEGGI ANCHE: Giardinaggio, terapia del benessere psicologico: lo studio di una psicologa

Non dobbiamo sottovalutare, poi, l’influenza positiva che la presenza delle piante dona agli ambienti: si tratta non solo di elementi di arredo, ma di veri e propri catalizzatori di energia e aria pulita.

Per questo, si consiglia di posizionare delle piante nell’area destinata alla pratica yoga. Tra le più indicate, in particolare, rientrano:

  • Aloe vera;
  • Orchidea;
  • Crisantemo;
  • Sanseveria.

I benefici dello yoga

Ora che abbiamo scoperto qual è l’affascinante legame tra yoga e piante, scopriamo tutti i benefici di questa pratica di antichissime origini. Come abbiamo anticipato, lo yoga agisce su più fronti.

Dal punto di vista fisico, esso fortifica, rivitalizza e tonifica il corpo. In particolare, si riscontrano:

  • Maggior ossigenazione degli organi interni;
  • Miglioramento della circolazione sanguigna e della pressione arteriosa;
  • Maggiore flessibilità;
  • Facilità dei movimenti e aumento della flessibilità.

NON PERDERTI I NOSTRI VIDEO E LE NOSTRE STORIE SU INSTAGRAM E TIK TOK

Gli effetti positivi dello yoga riguardano anche la sfera psicologica, poiché favoriscono la riduzione dello stress, migliorando l’umore e la qualità del sonno.

Anche la concentrazione beneficia di questa pratica: ci sentiamo più attenti, energici e focalizzati. Lo yoga, insomma, ci aiuta a recuperare l’armonia, riequilibrando e riassegnando le giuste priorità alle varie componenti della nostra vita.

In questo modo, prendendoci cura di mente e corpo – che non sono separate tra loro ma costituiscono un unicuum – riusciamo davvero a fiorire.

CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.