WhatsApp: cos’è la crittografia end-to-end e perché appare questa scritta quando scriviamo a qualcuno

Cos’è la crittografia end-to-end di WhatsApp? Vediamo cosa c’è da sapere sulla scritta che appare quando si avvia una chat con qualcuno.

Chat WhatsApp
Chat WhatsApp (Canva – Inran.it)

WhatsApp è l’applicazione di messaggistica più utilizzata al mondo, superando di gran lunga rivali come Messenger e Telegram. Considerando la quantità di dati sensibili che si tende a condividere nelle conversazioni online, l’applicazione è sicura da usare grazie alle numerose funzione per preservare la privacy.

Una delle misure di sicurezza dell’applicazione è la crittografia end-to-end. La messaggistica istantanea è nata praticamente insieme ad internet, ma all’inizio questi erano scambiati in chiaro quindi chiunque poteva avere accesso ai server dove questi erano tenuti. La crittografia end-to-end serve proprio a mantenere i messaggi sicuri e strettamente privati, rende la chat sicura ancora prima che possa avviarsi.

A cosa serve la crittografia end-to-end di WhatsApp

Chat privacy whatsapp
Chat (Canva – Inran.it)

Ti potrebbe interessare anche >>> Rischio fiasco per l’incoronazione di Re Carlo: notizie danno per certo un evento catastrofico

WhatsApp utilizza la crittografia end-to-end per tutti i messaggi e le chiamate per impostazione predefinita. Dal 2014, il sistema di crittografia end-to-end si basa sul protocollo open-source Signal di Open Whisper Systems. L’azienda è forse conosciuta come gli sviluppatori dell’applicazione di chat Signal, un concorrente di WhatsApp che si vanta di mettere al primo posto la sicurezza e la privacy. Tutte le comunicazioni sulla piattaforma sono protette dalla crittografia end-to-end includendo: messaggi, media, note vocali, chiamate e persino aggiornamenti di stato.

Ti potrebbe interessare anche >>> Tanti nuovi bonus nel 2023: cifre, domande e requisiti per ottenerli

Grazie alla crittografia end-to-end si possono proteggere le chat private, quelle avviate con l’account business e i pagamenti. WhatsApp consente di verificare che le singole chat e chiamate siano crittografate end-to-end. È sufficiente aprire una chat, toccare il nome del contatto e, infine, “Crittografia”. Apparirà un codice QR e un numero di 60 cifre. A questo punto, seguire gli stessi passaggi sul telefono del destinatario e confrontate i valori. Se il numero corrisponde su entrambi i dispositivi, la chat è correttamente crittografata end-to-end.

CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM E SEGUI I NOSTRI VIDEO E LE NOSTRE STORIE SU INSTAGRAM e TIKTOK

La sicurezza è un tassello importante per WhatsApp e rilascia costantemente aggiornamenti per incrementare l’esperienza di ogni utente e ogni azienda. L’applicazione non può vedere, grazie alla crittografia, il contenuto delle chat o ascoltare le chiamate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.