Per una mente sempre attiva e in salute sono questi gli alimenti che devi mangiare

Fin da piccoli ci viene insegnato che mangiare bene ci aiuta ad avere un aspetto e un fisico migliori. Ecco gli alimenti preferibili per una mente sana.

Banane (Canva – Inran.it)

Quello che non sempre ci viene detto è che una buona alimentazione influisce in modo significativo anche sulla nostra salute mentale. Una dieta sana ed equilibrata può aiutarci a pensare con chiarezza e a sentirci più vigili. Può anche migliorare la concentrazione e la capacità di attenzione.

Cosa mangiare per una mente sempre attiva

Frutta e verdura (Canva – Inran.it)

Al contrario, una dieta inadeguata può portare a stanchezza, a un’alterazione del processo decisionale e a un rallentamento dei tempi di reazione. In effetti, un’alimentazione scorretta può aggravare, e addirittura provocare, stress e depressione.
Uno dei maggiori danni alla salute è la dipendenza della società dagli alimenti trasformati. Questi alimenti sono ricchi di farine e zuccheri e inducono il cervello a desiderarne di più, piuttosto che alimenti ricchi di sostanze nutritive come frutta e verdura.

Molti degli alimenti trasformati che consumiamo creano una forte dipendenza e stimolano i centri della dopamina nel nostro cervello, che sono associati al piacere e alla ricompensa. Per smettere di desiderare cibi non salutari, bisogna smettere di mangiarli. Quando si eliminano dalla propria dieta gli zuccheri aggiunti e i carboidrati raffinati si inizia a modificare la fisiologia del cervello.

Stress e depressione

Lo zucchero e gli alimenti trasformati possono causare infiammazioni in tutto il corpo e nel cervello, che possono contribuire a disturbi dell’umore, tra cui ansia e depressione. Quando ci sentiamo stressati o depressi, spesso ricorriamo agli alimenti trasformati in cerca di un rapido stimolo. Nei periodi più impegnativi o difficili, una tazza di caffè sostituisce una colazione completa e la frutta e la verdura fresche vengono sostituite da fast food ricchi di grassi e calorie. Quando ci si sente giù, una pinta di gelato diventa la cena (o si salta del tutto la cena).

Secondo l’American Dietetic Association, quando si è depressi o sotto stress si tende a mangiare troppo o troppo poco. Mangiando troppo, ci si ritrova a fare i conti con la pigrizia e l’aumento di peso. Mangiando troppo poco, la stanchezza che ne deriva rende questa abitudine difficile da interrompere. In entrambi i casi, un’alimentazione scorretta nei periodi di stress e depressione non fa che peggiorare la situazione. Si tratta di un circolo vizioso, ma può essere superato.

Per migliorare la salute mentale, è bene consumare molta frutta e verdura e alimenti ricchi di acidi grassi omega-3, come il salmone. In particolare, le verdure a foglia verde scuro sono protettive per il cervello. Anche noci, semi e legumi, come fagioli e lenticchie, sono ottimi alimenti per il cervello.

Un intestino sano

I ricercatori continuano a dimostrare il vecchio adagio secondo cui si è ciò che si mangia, e recentemente hanno esplorato la forte connessione tra l’intestino e il cervello. L’intestino e il cervello sono fisicamente collegati tramite il nervo vago e sono in grado di inviarsi messaggi a vicenda. Mentre l’intestino è in grado di influenzare il comportamento emotivo del cervello, quest’ultimo può anche alterare il tipo di batteri che vivono nell’intestino.

Secondo l’American Psychological Association, i batteri intestinali producono una serie di sostanze neurochimiche che il cervello utilizza per regolare i processi fisiologici e mentali, compreso l’umore. Si ritiene che il 95% delle scorte di serotonina, uno stabilizzatore dell’umore, sia prodotto dai batteri intestinali. Si ritiene che lo stress sopprima i batteri intestinali benefici.

Mangiare con attenzione

Prestare attenzione a come ci si sente quando si mangia e a ciò che si mangia è uno dei primi passi per assicurarsi di consumare pasti e spuntini ben bilanciati. Poiché molti di noi non prestano molta attenzione alle proprie abitudini alimentari, i nutrizionisti consigliano di tenere un diario alimentare. Documentare cosa, dove e quando si mangia è un ottimo modo per capire i propri schemi.

Potrebbe interessarti anche questo contenuto: Facili, veloci ed eleganti queste acconciature per Capodanno: tutti ti ammireranno

Se vi accorgete di mangiare troppo quando siete stressati, può essere utile interrompere quello che state facendo quando vi viene voglia di mangiare e annotare le vostre sensazioni. In questo modo potrete scoprire cosa vi preoccupa davvero. Se non mangiate, può essere utile programmare cinque o sei pasti più piccoli invece di tre grandi.

Potrebbe interessarti anche questo contenuto: Anche senza tinta puoi dire addio ai capelli bianchi | Il trucchetto che devi conoscere

Alimentazione per il cervello

Il cervello e il sistema nervoso dipendono dall’alimentazione per costruire nuove proteine, cellule e tessuti. Per funzionare in modo efficace, il corpo ha bisogno di una serie di carboidrati, proteine e minerali. Per ottenere tutti i nutrienti che migliorano il funzionamento mentale, i nutrizionisti suggeriscono di consumare pasti e spuntini che includano una varietà di alimenti, invece di mangiare gli stessi pasti ogni giorno.

CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM E NON PERDERTI I NOSTRI VIDEO E LE NOSTRE STORIE SU INSTAGRAM E TIK TOK

Ecco i tre alimenti principali da incorporare in una dieta mentale sana:

  • Carboidrati complessi: Quinoa, miglio, barbabietole e patate dolci hanno un valore nutritivo maggiore e vi manterranno sazi più a lungo rispetto ai carboidrati semplici presenti nello zucchero e nelle caramelle.
  • Le proteine magre: anch’esse apportano energia che permette al corpo di pensare e reagire rapidamente. Buone fonti di proteine sono pollo, carne, pesce, uova, soia, noci e semi.
  • Acidi grassi: sono fondamentali per il corretto funzionamento del cervello e del sistema nervoso. Si trovano nel pesce, nella carne, nelle uova, nelle noci e nei semi di lino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.