Forse hai sempre sbagliato a mangiare così l’insalata | La scoperta che cambierà la tua vita

L’insalata non è un semplice contorno, l’abitudine italiana di accompagnarla dopo il primo è un modo sbagliato: quando mangiare l’insalata?

insalata antipasto cena
Ragazza consuma insalata (Canva) – Inran.it

L’insalata è un contorno importantissimo nella cucina mediterranea. La consumiamo spesso, e ciò è un bene, dati i benefici della verdura e i nutrienti di cui è composta. Un consumo regolare e quotidiano è essenziale per stare in salute, tuttavia, secondo la tradizione della nostra cucina, questa si serve e si mangia dopo il primo, come contorno.

In realtà, questa abitudine andrebbe evitata. Ormai, numerosi studi scientifici lo hanno appurato: il contorno di verdure non fa altro che intoppare lo stomaco. Per questo motivo, è sempre meglio consumare l’insalata come antipasto, e non come contorno, quindi prima della portata principale. In molti paesi esteri fanno proprio così, e fanno bene. Come mai?

Perché consumare l’insalata come antipasto, prima della portata principale

quando mangiare insalata
Pinzimonio fresco (Canva) – Inran.it

L’insalata, e le verdure in generale, sono ricche di fibre. Le fibre danno un senso di sazietà e fanno sentire l’organismo pieno e soddisfatto. Sono salutari e alleate dell’intestino, nonché alleate della dieta, poiché ci fanno mantenere il peso corporeo. Per questo motivo, consumare insalata come antipasto aiuta a smorzare la fame.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE → Basta con l’effetto yo-yo | Il metodo per non rimettere i chili persi

Le fibre idrosolubili contenute nelle verdure, infatti, riescono a controllare l’assorbimento del glucosio, degli aminoacidi, dei grassi e del colesterolo, gestendo la glicemia e l’insulina. Una dieta a base di fibre è importante per mantenere il peso e per stare in salute, prevenendo anche molte malattie, sia cognitive che cardiovascolari.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE → Lenticchie: ecco perché dovremmo mangiarne in volontà | Proprietà benefiche incredibili

Le fibre proteggono l’intestino, il cuore, il fegato e il cervello, facendo da barriera per l’accumulo di grassi e di zuccheri. L’insalata, quindi, aiuta a dimagrire e a controllare la fame, inoltre apporta antiossidanti che contrastano i radicali liberi. Ad esempio, consumare un pinzimonio fresco è una buona abitudine per introdurre fibre e per smorzare il senso di fame.

CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM E SEGUI I NOSTRI VIDEO E LE NOSTRE STORIE SU INSTAGRAM e TIKTOK

Sedano, carote, finocchi, cetrioli, peperoni, sono la soluzione migliore per anticipare la cena, senza esagerare con l’olio d’oliva. Sono eccellenti anche le verdure amare, come cicoria, radicchio cavolo, ravanelli, scarola, rucola, tarassaco, che stimolano la secrezione intestinale di CCK e aiutano a ripristinare il giusto microbiota intestinale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE → Avrai un girovita da urlo: ti basterà fare questi esercizi per pochissimi minuti al giorno

Via libera anche a zuppe e minestroni. Se i vegetali gonfiano la pancia, niente paura. Prima di tutto, occorre inserire le fibre nella propria dieta in modo graduale, inoltre è sempre consigliabile sminuzzare in pezzetti piccoli ogni verdura, e di masticarla per bene prima di ingoiarlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.