Metti in questo punto il succo di un limone 🍋 e le tue orchidee 🌺 ti ringrazieranno: benefici pazzeschi

L’annaffiatura con acqua acida ha un effetto benefico sulle condizioni del fiore: le foglie crescono lisce e lucide, l’apparato radicale si ispessisce e diventa potente.

Benefici del limone
Limoni (Canva) Inran.it

Inoltre, l’acido citrico del succo di un limone combatte muffe e funghi, per cui le orchidee crescono sane e non si ammalano. È sufficiente aggiungere all’acqua di annaffiatura del succo di limone naturale o un cucchiaino di acido citrico.

Dal punto di vista orticolo è importante che i prodotti del carbonio costituiscano circa il 95% della sostanza secca delle piante, non l’azoto, il fosforo, il potassio e i minerali in tracce (NPK) dei fertilizzanti che usiamo per “nutrirle. Sebbene le piante facciano un ottimo lavoro per introdurre la CO2 e fissarla nei prodotti del carbonio utilizzati per il metabolismo e la crescita, l’integrazione di carbonio complesso “preconfezionato” può migliorare notevolmente la crescita.

Succo di un limone per far rinascere le orchidee

Benefici per orchidee
Orchidea (Canva) Inran.it

Il succo di limone è una fonte naturale di acido citrico e malico, zuccheri e altri composti benefici che possono essere utilizzati al posto dell’acido citrico. L’opzione più semplice da utilizzare è il succo di limone in bottiglia venduto nei negozi di alimentari. Anche il succo di limone appena spremuto funziona bene.

Ti potrebbe interessare anche >>> Silicone nero in bagno: come farlo tornare come nuovo in poche mosse

L’acido citrico alimentare è un’altra opzione e, se lo utilizzate, pensate di includere una parte di acido malico per dieci parti di acido citrico. Il succo di limone contiene sia acido citrico che acido malico. Entrambi gli acidi sono utilizzati dalle piante.

L’uso del succo di limone (acido citrico) nella soluzione nutritiva favorisce:

  • L’assorbimento delle forme nitrate di azoto, fosforo, calcio e metalli.
  • L’acido citrico aiuta a sostenere le richieste di respirazione e migliora l’energia cellulare favorendo il ciclo di Kreb. Questo si manifesta spesso nelle foglie “rinverdendole”, cioè migliorando la fotosintesi.

Il succo di limone è una fonte naturale di acido citrico e malico. Nel loro ambiente nativo, le orchidee producono acido citrico e ne hanno una maggiore produzione grazie ai funghi endofiti presenti naturalmente nei loro tessuti (come l’Aspergillus niger). L’acido citrico è un efficace chelante dei metalli, ma non interagisce direttamente con i fertilizzanti NPK né li modifica, se non per favorire un assorbimento più efficiente di questi nutrienti.

Non provoca una variazione a lungo termine del pH del terriccio perché le piante assorbono e utilizzano la maggior parte dell’acido citrico. Le piante usano l’acido citrico e altri acidi organici per stabilizzare l’ambiente del pH intorno alle radici (omeostasi della rizosfera).

Benefici dell’acido citrico sulle piante

Molti dati indicano che le orchidee e altre piante trasudano e assorbono direttamente molti composti organici diversi, come acidi organici, ormoni ed enzimi. Le piante producono da sole molti di questi prodotti per influenzare il loro ambiente. Tuttavia, nei loro ambienti naturali, molti di questi composti gocciolano sulle piante ospiti, soprattutto se associate a funghi e licheni.

Il succo di limone può essere usato per imitare l’apporto di acidi organici (acido citrico e malico) a cui le piante sono esposte nel loro ambiente naturale. Tutti gli organismi viventi utilizzano e/o trasudano acido citrico per un motivo o per l’altro in vari processi metabolici.

Uno dei processi per cui le piante utilizzano l’acido citrico è il mantenimento di un’omeostasi stabile del pH radicale. Le piante mantengono il pH delle radici pompando essudati radicali di acidi organici, principalmente acido citrico, per regolare il pH della rizosfera a circa 5,8.

Per poter assorbire e utilizzare il nitrato, la forma più comune di azoto nell’ambiente radicale, le radici devono utilizzare il sistema della nitrato reduttasi. Si tratta di un sistema proteico interno alla pianta che converte il nitrato in ammoniaca, che viene utilizzata per creare aminoacidi, convertiti in proteine e cellulosa.

Ti potrebbe interessare anche >>> Pentole incrostate e unte: 3 rimedi geniali per pulirle alla perfezione e senza fatica

Il processo di nitrato reduttasi, che non è specifico delle orchidee ma di quasi tutte le piante verdi, è il meccanismo con cui il nitrato (NO3-) viene convertito in ammoniaca (NH3) attraverso la rimozione delle molecole di ossigeno. Il processo di rimozione delle molecole di ossigeno le lascia con una molecola di idrossido alcalino (ad alto pH) (OH-). Le molecole di idrossido devono essere scaricate prima che raggiungano livelli tossici nei tessuti delle piante.

CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM E SEGUI I NOSTRI VIDEO E LE NOSTRE STORIE SU INSTAGRAM e TIKTOK

Per liberarsi delle molecole di idrossido, le piante hanno bisogno di un lavandino acido alla radice per “scaricarle”. L’idrossido passa da un ambiente ad alta alcalinità a un sistema a bassa alcalinità, ovvero la stretta regione tra la superficie della radice e il suolo o il substrato (rizosfera). Per fare ciò, le piante pompano acido citrico nella rizosfera per abbassare il pH e trascinare le molecole di idrossido.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.