Bypass al cuore ❤: a cosa serve, quanto è rischioso e come e quanto vivono dopo i pazienti

L’intervento di bypass aorto-coronarico crea un nuovo percorso per il sangue intorno a un’arteria del cuore bloccata o parzialmente bloccata.

Bypass come funziona
Colesterolo (Canva) Inran.it

L’intervento prevede il prelievo di un vaso sanguigno sano dal torace o dalla gamba. Il vaso viene collegato al di sotto dell’arteria cardiaca bloccata. Il nuovo percorso migliora l’afflusso di sangue al muscolo cardiaco.

L’intervento di bypass aorto-coronarico viene eseguito per ripristinare il flusso sanguigno attorno a un’arteria cardiaca bloccata. Esso può essere eseguito come trattamento d’emergenza per un attacco cardiaco, se altri trattamenti immediati non funzionano.

Intervento di bypass: in cosa consiste e a cosa serve

Bypass
Intervento (Canva) Inran.it

L’intervento di bypass cardiaco consiste nel prelevare vasi sanguigni da un’altra parte del corpo per aggirare, o bypassare, un’arteria bloccata. Il risultato è che il sangue e l’ossigeno possono tornare ad affluire al cuore.

CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM E SEGUI I NOSTRI VIDEO E LE NOSTRE STORIE SU INSTAGRAM e TIKTOK

Immaginate di essere in autostrada. Un incidente provoca l’accumulo di traffico davanti a voi. I soccorritori reindirizzano le auto intorno alla congestione. Alla fine si può tornare in autostrada e il percorso è libero. L’intervento di bypass cardiaco è simile. Può contribuire a ridurre il rischio di infarto e di altri problemi. Una volta guariti, vi sentirete meglio e potrete tornare alle vostre attività abituali.

LEGGI ANCHE: Se vuoi dormire bene, devi tenere presente questi piccolissimi consigli | Miglioramenti enormi

L’intervento di bypass è noto anche come innesto di bypass aorto-coronarico (CABG). È il tipo di intervento a cuore aperto più comune negli Stati Uniti. La maggior parte delle persone ottiene ottimi risultati e vive senza sintomi per un decennio o più.

Sarà comunque necessario seguire una dieta sana, fare esercizio fisico e probabilmente assumere farmaci per prevenire un altro blocco. Ma prima è bene sapere cosa aspettarsi dall’intervento, come prepararsi, quali complicazioni possono verificarsi e come avviene il recupero.

Perché ho bisogno di un intervento di bypass cardiaco?

L’intervento di bypass tratta i sintomi della malattia coronarica. Questa si verifica quando una sostanza cerosa chiamata placca si accumula all’interno delle arterie del cuore e impedisce al sangue e all’ossigeno di raggiungerlo.

Il medico può suggerire un intervento di bypass cardiaco se:

  • si ha un forte dolore al petto che il medico ritiene sia dovuto all’ostruzione di diverse arterie che forniscono sangue al cuore.
  • Almeno una delle arterie coronarie è affetta da una malattia che impedisce al ventricolo sinistro, la camera che svolge la maggior parte delle funzioni di pompaggio del sangue del cuore, di funzionare al meglio.
  • C’è un’ostruzione nell’arteria coronaria principale sinistra, che fornisce al ventricolo sinistro la maggior parte del sangue.
  • Sono stati eseguiti altri interventi, ma non hanno funzionato o l’arteria si è nuovamente ristretta.
  • Si è verificata una nuova ostruzione.
  • La malattia coronarica può portare a un attacco cardiaco. Può causare la formazione di un coagulo di sangue e interrompere il flusso sanguigno. L’intervento di bypass può dare una bella spinta alla salute.

Il medico curante potrebbe consigliare un intervento di bypass aorto-coronarico in presenza di:

  • Un’ostruzione nell’arteria cardiaca principale sinistra. Questa arteria fornisce molto sangue al muscolo cardiaco.
  • Forte restringimento dell’arteria cardiaca principale.
  • Forte dolore al petto causato dal restringimento di diverse arterie cardiache. Il restringimento riduce l’afflusso di sangue al cuore anche durante l’esercizio fisico leggero o a riposo.
  • Più di un’arteria cardiaca malata e la camera cardiaca inferiore sinistra non funziona bene.
  • Un’arteria cardiaca bloccata che non può essere trattata con l’angioplastica coronarica. Questo trattamento meno invasivo utilizza un palloncino sulla punta di un tubo sottile, chiamato catetere, per allargare l’arteria. Per mantenere aperta l’arteria viene solitamente utilizzata una piccola spirale chiamata stent.
  • Un’angioplastica con o senza stent che non ha funzionato. Ad esempio, un’arteria si è ristretta nuovamente dopo uno stenting.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.