Ti sei mai chiesto quanto consuma il forno? La risposta che nessuno si aspetta

Quanto consuma un forno normale? E uno elettrico? La risposta che nessuno si aspetta, tutti i dettagli sui vostri consumi mensili.

Forno costi
Forno (Canva) Inran.it

La maggior parte dei forni elettrici consuma tra i 2.000 e i 5.000 watt, mentre la potenza media dei fornelli elettrici si aggira intorno ai 3.000 watt. Quindi, quanta energia consuma una stufa elettrica all’ora? Ipotizzando una tariffa elettrica di 12 centesimi per chilowattora (kWh), un forno da 3000 watt costerà circa 36 centesimi all’ora a calore elevato.

Per quanto riguarda i bruciatori del piano cottura elettrico, quelli più grandi assorbono più elettricità. Molti piani di cottura vanno da circa 1.200 watt per i bruciatori più piccoli a 3.000 watt per quelli più grandi, che costeranno rispettivamente circa 14 centesimi e 36 centesimi all’ora.

Quanto consuma il forno? La risposta incredibile

Costi del forno
Grill (Canva) Inran.it

Ma anche se si conoscono le potenze esatte del forno e di ciascun bruciatore, questa suddivisione è una semplificazione. Infatti, i wattaggi effettivi dipendono dalla quantità di calore che si sta generando. C’è una grande differenza di consumo energetico tra la preparazione di carne secca a 170 gradi e l’autopulizia del forno a 800 gradi.

DAI UN’OCCHIATA ANCHE A QUESTO ARTICOLO: Il trucco geniale per mangiare più verdura ogni giorno | Risultati entusiasmanti

E pensate a come utilizzate i vostri bruciatori: girate rapidamente la manopola su calore basso, medio o alto, ma il punto esatto in cui la manopola si ferma cambia leggermente ogni volta. Questo rende molto difficile tracciare con precisione il consumo energetico di una cucina.

Fortunatamente, date le stime approssimative dei costi indicate sopra, queste differenze non ammontano a più di un paio di dollari al mese per il cuoco domestico medio. A meno che non si tenga la cucina in funzione tutto il giorno, tutti i giorni, non si rischia di fare bancarotta. Tuttavia, esistono alcune linee guida generali per scegliere un forno che consumi meno energia:

CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM E SEGUI I NOSTRI VIDEO E LE NOSTRE STORIE SU INSTAGRAM e TIKTOK

  • Controllare il wattaggio del forno e di ogni singolo bruciatore. Un wattaggio più basso significa un consumo energetico inferiore, ma si tratta di un compromesso: significa anche una minore potenza di riscaldamento.
  • Scegliete un forno a convezione. Questa caratteristica potrebbe costare di più in anticipo, ma un forno a convezione può cuocere i piatti più velocemente e a temperature più basse.
  • Scegliere un piano di cottura a induzione. Sebbene il prezzo d’acquisto di una cucina sia ancora più alto, un piano di cottura a induzione consente di risparmiare energia utilizzando l’energia elettromagnetica per generare il calore, ed è un’opzione più sicura perché il piano di cottura rimane sempre freddo al tatto.
  • Scegliete un forno autopulente. Questi forni richiedono un isolamento supplementare a causa dell’elevato calore del ciclo di autopulizia, e questo li rende complessivamente più efficienti.
  • Passate al gas. Se state acquistando una cucina elettrica, probabilmente è perché non avete l’allacciamento al gas in cucina. Ma se nella vostra zona è disponibile il gas naturale e l’installazione dell’allacciamento al gas non è proibitiva, il passaggio a un fornello a gas vi darà un’automatica spinta all’efficienza energetica.

Risparmiare energia mentre si cucina

A meno che non siate già in procinto di acquistarne uno, l’acquisto di una cucina completamente nuova probabilmente non è il modo migliore per risparmiare energia in cucina. Se siete alla ricerca di opportunità di risparmio, provate a seguire queste pratiche energetiche intelligenti:

  • Cucinare più cibo meno spesso. È più efficiente dal punto di vista energetico cucinare più piatti contemporaneamente, quindi pianificate la cottura di conseguenza e fatela diventare una maratona. Utilizzate il microonde per riscaldare gli avanzi a un costo inferiore rispetto a quello del forno o del piano cottura.
  • Tenete lo sportello del forno chiuso. Ogni volta che lo aprite perdete energia termica, quindi usate la luce del forno e guardate attraverso la finestra.
  • Pulite regolarmente il forno e la cucina. I residui di cottura agiscono come un isolante sopra gli elementi riscaldanti, privandovi dell’efficienza della cottura.
  • Utilizzate pentole in vetro e ceramica invece di quelle in metallo. Trasferiscono il calore in modo più efficace e uniforme.
  • Iniziate in anticipo con l’autopulizia. Avviate il ciclo di pulizia subito dopo aver utilizzato il forno per cucinare e risparmierete diversi minuti dalla durata del ciclo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.