A chi arriveranno 500 euro sul conto corrente: il nuovo aiuto statale solo per questi cittadini

In cosa consiste questo bonus da 500 euro che non è nuovo e che ha visto ampliare la propria utenza. Cosa fare per averlo.

Una banconota da cinquecento euro
Una banconota da cinquecento euro (Foto Canva – Inran.it)

C’è un bonus da 500 euro che rientra nell’ambito delle misure di aiuto avallate dal Governo Meloni. All’interno della Legge di Bilancio accolta a Natale scorso per il 2023 hanno trovato spazio diversi provvedimenti economici di sostegno.

E tra questi figura per l’appunto tale bonus da 500 euro, rivolto ad una specifica categoria di cittadini. Va detto che alla base c’era una polemica che aveva richiesto l’intervento di un giudice. E questo allo scopo di fare maggiore chiarezza e di stabilire come alcuni privilegi spettassero anche ad una parte che in origine non era stata presa in considerazione

Per la copertura del bonus da 500 euro in questione infatti i requisiti iniziali erano diversi. A seguito di alcune rimostranze da chi pensava di potere usufruire di tale aiuto avevano fatto seguito delle discussioni con anche l’entrata in scena dei sindacati coinvolti.

Nuovo bonus da 500 euro, a chi spetta e come averlo

Una banconota da cinquecento euro
Una banconota da cinquecento euro (Foto Canva – Inran.it)

Il provvedimento del quale stiamo parlando è il cosiddetto Bonus Insegnanti, che in origine era stato destinato ai soli titolari di ruolo. Cosa che tagliava di netto i tanti precari. I cinquecento euro della misura rientravano nel novero della Carta Docente ed erano (sono) utili per l’acquisto di libri di testo, tablet, pc, frequentare dei corsi e simili, ed in generale per il miglioramento della propria formazione.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE QUESTO CONTENUTO: Tutti i bonus INPS del 2023 per le famiglie in difficoltà: requisiti richiesti e come presentare la domanda

Anche ai precari spetta, con persino il riconoscimento di cinque anni di arretrati. Per il 2023 questo aiuto economico continuerà ad essere erogato dal Ministero dell’Istruzione, che sarà sempre il referente principale. Lo scopo del bonus è quello di implementare la formazione dei docenti, cosa che poi dovrebbe ripercuotersi in meglio in quello che è il loro compito di insegnare e di formare i loro alunni.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE QUESTO CONTENUTO: Nuovo accredito INPS a febbraio: puoi avere 150 euro subito se hai questo requisito

Le domande sono sempre elevate, sin da quando questo aiuto è stato introdotto nell’ormai lontano 2016. E già da allora era noto come Carta Docente. Al momento la misura resta ancora in voga, ma date le tante difficoltà nel garantirla a tutti è possibile addirittura che il Governo decisa di sopprimerla, per eventualmente rimpiazzarla con una nuova formula capace di ridurre le difficoltà e gli imprevisti.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE QUESTO CONTENUTO: 500 euro a famiglia per il Bonus Acqua: chi può averlo e come fare la domanda

Carta Docente, come fare per averla

La Carta Docente da 500 euro permette nello specifico di:

  • acquistare libri e riviste;
  • biglietti per musei, eventi culturali, teatro e cinema;
  • iscrizioni a corsi di laurea e master universitari, corsi per attività di aggiornamento da enti qualificati e/o accreditati presso il Ministero dell’Istruzione.

CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM E SEGUI I NOSTRI VIDEO E LE NOSTRE STORIE SU INSTAGRAM e TIKTOK

Per inoltrare la domanda è necessario compiere l’accesso mediante credenziali SPID al sito web ufficiale del MIUR, ovvero il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.