WhatsApp può tracciare e tenere un archivio delle tue chat? Scopri qual è la verità

La società WhatsApp si oppone alla tracciabilità della chat in archivio, scopriamo qual è la verità e perché la famosa App tiene alla privacy.

tracciabilità chat WhatsApp
Messaggiare in chat (Canva) – Inran.it

Alcune Governi nel mondo spingono sempre più per la trasparenza, costringendo le aziende tecnologiche a sfidare la privacy e a tenere una sorta di archivio di chat, utile in caso di reati di qualsiasi genere. La società WhatsApp, al momento si oppone a questa polita, cercando di mantenere la privacy dei propri utenti.

Secondo gli esperti, la tracciabilità della crittografia end-to-end, minerebbe la privacy di milioni di utenti che comunicano digitalmente e violerebbe i diritti umani. Secondo le ultime dichiarazioni dei manager di WhatsApp, l’azienda si oppone e si impegna a proteggere i diritti dei propri utenti, non rendendo rintracciabli i messaggi privati delle chat. Cosa comporta?

Rintracciabilità della comunicazione via chat: WhatsApp si oppone

tracciabilità messaggi chat
Utilizzo chat telefonino (Canva) – Inran.it

WhatsApp ha implementato la crittografia end-to-end a partire dal 2016, in modo tale da nascondere a eventuali terze persone, messaggi scritti, messaggi vocali, video e foto. Significa che i temi condivisi con un conoscente, non sono rintracciabili da altri e da fonti esterne, neanche dagli stessi operatori di WhatsApp.

LEGGI ANCHE → Smartphone: attenzione a questo aspetto molto pericoloso | Cosa succede al tuo corpo se lo usi così

La tracciabilità ha lo scopo opposto, ossia rendere trasparente una comunicazione privata, tenendo traccia di miliardi e miliardi di messaggi scambiati quotidianamente tra utenti. Per dare la possibilità a un Governo e alle Forze dell’Ordine di indagare su reati passati o futuri, ogni azienda dovrebbe creare questo immane archivio messaggistico, contenente infiniti miliardi di informazioni.

LEGGI ANCHE → Bonus Ristrutturazione: come cambia nel 2023? Tutto quello che devi sapere al riguardo

Si vuole imporre, dunque, una nuova forma di sorveglianza di massa, combattuta però dalle aziende tecnologiche, le quali tengono alla fiducia dei propri clienti. Ma la tracciabilità viola i diritti umani? In realtà, in questo modo si applicherebbe una specie di timbro di identità ai danni di ogni utente registrato. Le aziende, in tal caso, sarebbero costrette a fornire informazioni e nomi riguardanti tutti i propri utenti.

Tracciabilità: il problema che crea alle indagini su un crimine

tracciabilità messaggi telefono
Privacy nel telefonino (Canva) – Inran.it

Il problema, però, è che si indagherebbe non solo sugli utenti creatori di contenuti scomodi e criminosi, ma anche su coloro che dovessero condividere in chat gli stessi contenuti. Sarebbero così coinvolte numerose persone innocenti, indagati solo per aver condiviso un contenuto, o per averne parlato in chat. Ciò avrebbe un effetto definito “agghiacciante” da WhatsApp, perché si va a violare la libertà di ogni persona.

CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM E SEGUI I NOSTRI VIDEO E LE NOSTRE STORIE SU INSTAGRAM e TIKTOK

La tracciabilità non sarebbe nemmeno funzionale, perché creerebbe molti problemi. Inoltre, non si riuscirebbe bene a capire se un utente è il vero autore di un contenuto sotto indagine. Basterebbe, ad esempio, semplicemente scaricare un’immagine o un video criminosi e condividerli con un amico, per finire nella lista degli indagati.

LEGGI ANCHE → Whatsapp: il modo tanto semplice quanto geniale per proteggere la tua privacy

Inoltre, la tracciabilità in chat inverte il metodo di indagini delle Forze dell’Ordine riguardanti i crimini, non partendo dal criminale, o presunto tale, e raccogliendo informazioni a questo collegate, ma da un database di ampio bacino, dove tutti sono indagati. WhatsApp collabora quotidianamente con le Forze dell’Ordine e aiuta a risolvere tanti crimine. È uno strumento investigativo efficace da consultare in caso di crimine, e tale deve restare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.