Poche mosse ed anche tu puoi avere un impianto di irrigazione spendendo poco o nulla

Sei in possesso di un giardino, ma a causa della spesa non indifferente non hai un impianto di irrigazione? Nessun problema, potrai realizzarlo in casa grazie a questa guida esplicativa!

giardinaggio
Impianto di irrigazione fatto in casa (Canva) -Inran.it

È davvero una fortuna avere a disposizione di un piccolo orticello o di un giardino. Una zona all’aperto che puoi sfruttare in moltissimi modi, uno spazio da utilizzare quando si vuole stare  all’aria fresca magari in compagnia di amici e parenti magari mangiando qualche prelibatezza cucinata davanti a un barbecue, insomma davvero un sogno!

Per realizzare in casa un impianto di irrigazione non bisogna per forza avere un pollice verde o essere esperti in giardinaggio. È possibile realizzarlo ovviamente hai bisogno di conoscere non solo di quali materiali avrai bisogno e ti servono, ma soprattutto conoscere alcune nozioni i modo da non commettere errori.

Ecco come realizzare in casa un impianto di irrigazione a goccia in casa!

planimetria estrna
Impianto idrico economico (Canva) -Inran.it

Finalmente anche tu potrai goderti un giardino coi fiocchi sempre irrigato e soprattutto potrai sentirti soddisfatto di aver realizzato un impianto di irrigazione tutto da solo con le tue forze. Non ti resta che continuare a leggere questo articolo per conoscere tutti i materiali e come posizionarli.

LEGGI ANCHE: Giardinaggio: segni che l’irrigazione alle piante è eccessiva

Il primo passo è quello di revisionare una planimetria esterna della casa e tenere conto di alcuni punti fondamentali come:

  • La quantità d’acqua necessaria che servirà alle tue piante;
  • L’esposizione al sole e all’ombra;
  • Il tipo di terreno in possesso.

Una volta disegnato il progetto per l’impianto potrai affidarti a negozi specializzati e richiedere tutto il materiale occorrente. In un secondo momento potrai decidere per bene come portare l’acqua in tutto il perimetro del giardino. Si consiglia di ridurre il campo di scelta dei gocciolatoi optando per quelli standard a flusso turbolento o di scegliere perlomeno dei modelli adatti in base alle tue esigenze.

CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM E SEGUI I NOSTRI VIDEO E LE NOSTRE STORIE SU INSTAGRAM e TIKTOK

Inoltre dovrai considerare portata e la distanza fra i gocciolatoi, ma anche al tipo di terreno o se sei in possesso di alberi o piante che richiedono abbondanza d’acqua. Una volta acquistato tutto il materiale che ti servirà potrai finalmente collegare la fonte d’acqua installando il tubo principale. Fissa il connettore a Y, monta un timer, la valvola di non ritorno e a questo punto potrai aggiungere il filtro.

LEGGI ANCHE: Anche le piante grasse possono morire: cosa fare per evitarlo in pochi step

In seguito provvedi a installare un regolatore della pressione e inserisci le linee laterali, anche se questo passaggio è facoltativo. Finalmente sei pronto a collegare il sistema a goccia montando le ali gocciolanti per primo, poi picchietta i tubi gocciolanti e collegare i gocciolatoi. Dopodiché metti un tappo alla fine di ogni tubo inserito e a questo punto potrai provare l’impianto.

Nicolas De Santis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.