Il cane entra con lei in sala operatoria ed aiuta la mamma a partorire: una storia straordinaria

La presenza del cane in sala operatoria ha fatto la differenza per un evento bellissimo. Questa bella cucciolona è fondamentale per la sua padrona con una condizione particolare.

Il cane in sala operatoria: siamo dal veterinario per fare in modo che l’animale venga sottoposto ad un intervento chirurgico? No, anzi. Il quattrozampe ha fatto da supporto morale, grazie alla empatia che questi esseri speciali sanno creare con noi umani. Di storie del genere ce ne sono tantissime, con i cani che vengono adottati per la Pet Therapy o che molte famiglie sono solite nominare come loro baby sitter di fiducia. Non c’è niente di meglio che fare in modo che siano i nostro cuccioli e cuccioloni ad intrattenere i bambini.

Cane in sala operatoria aiuta la padrona a partorire
Ames Tomkins con il suo bimbo Olly appena partorito e con il suo cane Belle (Foto Instagram – inran.it)

E che cosa ci fa questo cane in sala operatoria? La sua presenza era stata richiesta in maniera esplicita da parte di una donna che era ormai pronta al parto. Donna che era anche affetta da una forma di autismo. I dottori si sono visti recapitare questa richiesta, insolita più per la frequenza rada della cosa che per il fatto che tutto questo coinvolgesse un cane. I medici per primi sanno quanto sia importante la presenza di questi animali nella vita di molte persone.

Cane in sala operatoria, la sua presenza è stata decisiva

Cane in sala operatoria aiuta la padrona a partorire
Il cane con il figlioletto della sua padrona in passeggino (Foto Instagram – inran.it)

Chi ha dei cani in casa conosce bene quanta importanza abbiano gli stessi nelle loro vite. Specialmente se c’è da fare i conti con delle malattie o con delle condizioni e dei disturbi di natura fisica o del neurosviluppo. Con la loro presenza, un cane sa tranquillizzare e sa mettere di buonumore. Per questo motivo Ames Tomkins non ha voluto avere nessun altro accanto a sé se non Belle, la sua bellissima cagnolona di razza Staffordshire Bull Terrier. Questo bell’animalone ha due anni ed è stato fondamentale per la neomamma specialmente nel controllare degli attacchi di ansia.

Ma non è solo questo: Belle dà in tutto e per tutto una mano ad Ames anche nel pratico, ad esempio portandole degli oggetti richiesti, aprendo le porte e dando persino la buonanotte alla donna. C’è qualcosa in grado di dare il sorriso meglio di tutto questo? Allora proprio non poteva mancare in ospedale, a darle sostegno. Questa vicenda è accaduta in Gran Bretagna, con la presenza della cagnolona che ha facilitato di molto le cose per la nascita di Olly, il piccolo messo alla luce dalla sua padrona.

Come riescono ad entrare in empatia i cani nessuno

Cane in sala operatoria aiuta la padrona a partorire
Belle con il piccolo Olly (Foto Instagram – inran.it)

Lei stessa ha pubblicato delle immagini che risalgono poi ai mesi successivi al parto e che mostrano Belle accudire al bimbo con tanta delicatezza. I due giocano insieme ed il quattrozampe mostra sempre la massima cura nel fare in modo che Olly si diverta senza che accada mai qualche imprevisto. Tutto questo rende bene l’idea della devozione e della capacità da parte dei cani di legarsi ai loro padroni. Ed il loro comportamento in generale è sempre in grado di stupire, persino quando guardano la tv. E per quanto riguarda un parto, c’è una donna che ha fatto qualcosa di pazzesco. Non indovinerete mai quanti figli ha dato alla luce nel giro di appena un minuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.