Ogni quanto cambiare le federe dei cuscini: il consiglio degli esperti

La federa del cuscino merita particolare cura, visto che è la parte in cui si poggia la testa: ogni quanto è consigliabile cambiare la federa?

Avevamo parlato del periodico lavaggio delle lenzuola del letto, le quali si riempiono di sporcizia, di capelli, di cellule morte e di polvere. Avevamo parlato anche di come igienizzare il materasso, per eliminare sporco e proliferazione di acari del letto, che sono sempre un grosso problema da affrontare. Ma una parte importante della camera, da tenere particolarmente in considerazione, è relativa al lavaggio delle federe del cuscino.

Cambio della federe del cuscino (Canva) – Inran.it

Quando è consigliabile cambiare le federe del proprio cuscino? Questa è forse la parte più importante del letto, visto che le federe sono a stretto contatto con la nostra testa. Queste si macchiano di sudore, si riempiono di pelle morta e di capelli, e si ungono del sebo del nostro cuoio capelluto. Dunque, ogni quanto cambiarle? Scopriamolo.

Le indicazioni degli esperti, ogni quanto cambiare la federa del cuscino

Uomo riposa beato a letto (Canva) – Inran.it

Come riferiscono gli esperti, quotidianamente perdiamo fino a 15 grammi di cellule morte, molte delle quali, finiscono direttamente sulle lenzuola e, ovviamente, sulla federa del cuscino. Inoltre, le federe si possono macchiare anche di residui di trucco, sudore, unto della pelle e saliva. Ma non solo, perché sul tessuto si possono depositare anche eventuali allergeni, come il polline, che può finire nel letto attraverso i capelli.

Secondo i dermatologi, tutto ciò può rappresentare un problema per la nostra salute, causando eruzioni cutanee, infezioni e infiammazioni della pelle. In più, si rischia di danneggiare la barriera cutanea, portando alla formazione di punti neri, brufoli e acne. Quindi, quando cambiare la federa del cuscino per non incorrere in queste problematiche?

Sostituzione delle federa (Canva) – Inran.it

Il consiglio degli esperti è quello di cambiare almeno una volta le federe del cuscino, meglio se ogni tre giorni durante l’estate, ovvero quando si suda di più per via del caldo. Ma non è tutto, perché si consiglia anche di lavare il cuscino con una temperatura di 50 gradi, almeno una volta ogni due o tre mesi, per contrastare l’accumulo di allergeni, di oli e di batteri.

Quando si lava il cuscino, è bene utilizzare un detersivo ipoallergenico, evitando l’utilizzo dell’ammorbidente, che può essere irritante per la pelle sensibile. Uno scrub e un’attenta pulizia del viso, prima di coricarsi, è indicata, come suggerisce una dermatologa sui suoi canali social. Addirittura, una pulizia serale del viso permette di non lavarlo accuratamente al mattino.

Impostazioni privacy