Buonissimi gli alimenti che mangio per integrare i carboidrati mentre seguo la dieta chetogenica

Avete mai sentito parlare di dieta chetogenica? Si tratta di uno stile alimentare che prevede anche dei periodi di ricarica di carboidrati. Ma non perdiamo altro tempo e andiamo a scoprire di cosa si tratta.

cibo
Ricarca carboidrati, da dove cominciare?(Inran.it)

Avete mai sentito parlare della dieta chetogenica? Si tratta di una dieta che è molto povera di carboidrati e grassi. In poche parole, lo scopo di questo regime alimentare è quello di far entrare l’organismo in uno stato di chetosi. Nonostante ciò, è necessario ogni tanto effettuare una ricarica di carboidrati. Ma di cosa stiamo parlando nello specifico? Scopriamo insieme quali sono i benefici effettivamente e come agire.

Non è altro che una ricarica di carboidrati che prevede l’introduzione di carboidrati in un certo momento. Un metodo che può rivelarsi davvero molto utile per poter migliorare le prestazioni atletiche e favorire notevolmente la crescita muscolare. Ma non perdiamo altro tempo e andiamo a scoprire più nel dettaglio in cosa consiste. Tutto quello che c’è da sapere per muoversi nel modo migliore possibile senza sbagliare.

Ricarica di carboidrati: quali sono i benefici?

carboidrati
Carboidrati(Inran.it)

Fare una ricarica di carboidrati può rivelarsi di particolare importanza quando si pratica una forte attività fisica. Rappresentano una fonte di energia fondamentale per poter migliorare anche la resistenza e le prestazioni in generale. Inoltre introdurre la giusta quantità di carboidrati consente anche di dare l’energia necessaria alla mente. Questo perché sono in grado di far aumentare positivamente i livelli di serotonina del cervello. In parole povere, si migliora l’ansia e la depressione.

Ma quali sono effettivamente i carboidrati che bisogna introdurre? La cosa migliore è optare per dei carboidrati che siano a basso indice glicemico, rilasciando energia in modo molto più stabile. Facendo degli esempi concreti, si può optare per avena, riso integrale e quinoa.

Quali alimenti scegliere?

Si tratta di alimenti che sono tutti ricchi di fibre, aiutando anche a ridurre il senso di sazietà. Tra le fonti di carboidrati più utili ci sono anche zucca, carote e patate dolci che assicurano un rilascio di energia più lento. Un dettaglio non da poco se si vuole evitare di assumere carboidrati e ingrassare.

Meglio non optare per carboidrati raffinati come zuccheri, pane, dolci e bevande zuccherate perché provocano un accumulo di grasso. Spazio anche alla frutta come mele, bacche e pere che contengono fibre, antiossidanti e vitamine che contribuiscono a rendere il proprio regime alimenti molto più equilibrato.

Impostazioni privacy