Questo sito contribuisce alla audience di logo ilmessaggero

Azatioprina: come funziona questo immunosoppressore e come si usa

Che cos'è l'azatioprina, quali sono le caratteristiche di questo medicinale e come si utilizza il farmaco per sopprimere il sistema immunitario.

L’azatioprina è un immunosoppressore, ovvero un farmaco che viene usato per sopprimere il sistema immunitario. Viene usato per trattare pazienti sottoposti a trapianto di rene e per malattie in cui è importante modificare l’attività del sistema immunitario.

L’azatioprina è un profarmaco che viene convertito nel corpo alla sua forma attiva chiamata mercaptopurina. Come altri immunosoppressori, ha come obiettivo principale quello di sopprimere la proliferazione dei linfociti T e B, i tipi di globuli bianchi che fanno parte del sistema immunitario e difendono il corpo da malattie infettive e materiali estranei.

Ad esempio, nel caso del trapianto di organi, gli immunosoppressori impediscono al corpo di respingere immunologicamente il nuovo organo. Nel caso di malattie autoimmuni (malattie causate da una reazione immunitaria anormale contro i tessuti del corpo) come l’artrite reumatoide, la soppressione del sistema immunitario riduce l’infiammazione che accompagna le reazioni immunitarie e rallenta i danni alle articolazioni causati dall’infiammazione.

Effetti collaterali dell’azatioprina

I più comuni effetti collaterali gravi dell’azatioprina coinvolgono le cellule del sangue e del sistema gastrointestinale.

L’azatioprina può causare un grave abbassamento della conta dei globuli bianchi, con un conseguente aumento del rischio di infezioni. Questo effetto è invertito quando la dose di azatioprina viene ridotta o temporaneamente sospesa.

L’azatioprina può causare nausea, vomito e perdita di appetito, che possono risolversi quando la dose giornaliera viene ridotta o divisa e assunta più di una volta al giorno. L’azatioprina può anche causare tossicità epatica (in meno dell’1% dei pazienti con artrite reumatoide).

Tutti i pazienti che assumono azatioprina richiedono esami regolari del sangue per la conta delle cellule del sangue e un test del fegato per monitorare gli effetti collaterali dell’azatioprina. Altri effetti collaterali riscontrati – pur meno frequentemente – includono affaticamento, perdita di capelli, dolori articolari e diarrea.

Dosaggio dell’azatioprina

Dosaggio dell'azatioprina

La dose iniziale per prevenire il rigetto è compresa tra 3 e 5 mg / kg (per via orale o endovenosa) al giorno, a partire dal momento del trapianto o in alcuni casi da 1 a 3 giorni prima del trapianto. La dose iniziale off-label per il trattamento dell’artrite reumatoide è di 1,0 mg / kg (da 50 a 100 mg, per via orale o IV) in dose singola o due volte al giorno.

Le dosi possono essere aumentate di 0,5 mg / kg al giorno fino ad una dose massima di 2,5 mg / kg al giorno. Il dosaggio per altri usi off-label può variare a seconda della malattia trattata; in generale, l’uso off-label dovrebbe essere fatto da un medico specialista esperto. L’azatioprina deve essere assunta con il cibo.

Interazioni farmaceutiche con l’azatioprina

L’allopurinolo (Zyloprim) che viene utilizzato per trattare i livelli ematici di acido urico e prevenire la gotta aumenta i livelli di azatioprina nel sangue, favorendo il rischio di effetti collaterali. Pertanto, è importante ridurre la dose di azatioprina di circa 1/3 a 1/4 nei pazienti che assumono allopurinolo.

È stato riportato che l’uso di inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina (ACE) per il controllo dell’ipertensione arteriosa nei pazienti che assumono azatioprina induce anemia (bassi livelli di globuli rossi) e grave leucopenia (bassi livelli di globuli bianchi). L’azatioprina riduce i livelli ematici del fluidificante del sangue, il warfarin, e quindi può ridurre l’effetto fluidodinamico del warfarin.

Azatioprina in gravidanza o allattamento

L’azatioprina può causare danni al feto se somministrata a donne in gravidanza e quando possibile dovrebbe essere evitata. L’azatioprina si trova nel latte materno e non deve essere utilizzata nelle madri che allattano.

Azatioprina nei trapianti renali

La dose di Azatioprina richiesta per prevenire il rigetto e ridurre al minimo la tossicità varierà con i singoli pazienti, richiedendo pertanto una gestione attenta. Azatioprina viene solitamente somministrata in un’unica dose giornaliera il giorno e, in una minoranza di casi, da 1 a 3 giorni prima, il trapianto. Di solito è possibile ridurre la dose fino a livelli di mantenimento. La dose di Azatioprina non deve essere aumentata a livelli tossici a causa del rifiuto repressivo. L’interruzione può essere necessaria per grave ematologia o altra tossicità, anche se il rigetto dell’omogeneo può essere una conseguenza dell’astinenza da farmaci.

Azatioprina e artrite reumatoide

Azatioprina viene solitamente somministrata su base giornaliera, con una dose iniziale di circa 1,0 mg / kg (da 50 a 100 mg) somministrata in dose singola o su un programma due volte al giorno. La dose può essere aumentata, a partire da 6 a 8 settimane e successivamente a intervalli di 4 settimane, se non vi sono gravi tossicità e se la risposta iniziale non è soddisfacente.

Gli incrementi della dose devono essere di 0,5 mg / kg al giorno, fino ad una dose massima di 2,5 mg / kg al giorno. La risposta terapeutica si verifica dopo diverse settimane di trattamento, di solito da 6 a 8; una prova adeguata dovrebbe essere un minimo di 12 settimane.

I pazienti non migliorati dopo 12 settimane possono essere considerati refrattari. Azatioprina può essere continuata a lungo termine in pazienti con risposta clinica, ma i pazienti devono essere monitorati attentamente e si deve tentare una riduzione graduale del dosaggio per ridurre il rischio di tossicità.

La terapia di mantenimento deve essere alla dose efficace più bassa e la dose somministrata può essere abbassata in modo decrementale con variazioni di 0,5 mg / kg o circa 25 mg al giorno ogni 4 settimane mentre l’altra terapia viene mantenuta costante. La durata ottimale del ciclo di mantenimento con Azatioprina non è stata determinata.

Azatioprina e disfunzione renale

I pazienti relativamente oligurici, in particolare quelli con necrosi tubulare nel periodo di trapianto immediato, possono avere una clearance ritardata di Azatioprina o dei suoi metaboliti, epossono essere particolarmente sensibili a questo farmaco e solitamente ricevono dosi più basse.

Dovrebbero dunque essere prese in considerazione le procedure per la corretta manipolazione e smaltimento di questo farmaco antimetabolita immunosoppressivo.

Revisione scientifica a cura della Dr.ssa Roberta Gammella.
Laureata in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II. E’ registrata all’Ordine Medici-Chirurghi e Odontoiatri di Napoli e Provincia