Ciclosporina: che cos’è e per quali condizioni viene utilizzata

148
Ciclosporina

La ciclosporina viene utilizzata per prevenire il rigetto in persone che hanno ricevuto un trapianto di fegato, reni o cuore. Di solito è accompagnato da altri farmaci che consentano al nuovo organo di funzionare normalmente. Appartenente a una classe di farmaci noti come immunosoppressori, funziona indebolendo il sistema immunitario per aiutare il tuo corpo ad “accettare” il nuovo organo come se fosse quello “originale”.

Naturalmente, le condizioni per cui viene utilizzata la ciclosporina sono ben più numerose del solo caso di cui sopra. Viene – ad esempio – utilizzata anche per poter trattare alcune forme di psoriasi piuttosto tenaci.

Come usare la ciclosporina

Come usare la ciclosporina

La ciclosporina viene generalmente assunta per via orale, sempre secondo le istruzioni del medico. L’assunzione è di norma concentrata  in una sola dose giorno, con o senza cibo: è tuttavia importante cercare di scegliere un modo e un momento per assumere questo farmaco, e rispettare tale percorso. Il dosaggio, in particolar modo, si baserà sul peso, sulle condizioni mediche, sui test di laboratorio e sulla risposta al trattamento.

Durante l’assunzione di questo farmaco, evitare di mangiare pompelmo o bere succo di pompelmo, a meno che il medico o il farmacista non dica che si può procedere in modo sicuro. Il pompelmo può infatti aumentare la possibilità di effetti collaterali.

Per cosa si usa ciclosporina

Come abbiamo anticipato, ciclosporina può essere usata in una lunga serie di condizioni mediche. Tra le principali:

  • Prevenzione del rigetto del trapianto di rene;
  • Prevenzione del rigetto del trapianto cardiaco;
  • Prevenzione del rigetto del trapianto di fegato;
  • Artrite reumatoide;
  • Psoriasi grave che è resistente ad altri trattamenti;
  • Trattamento per il mantenimento dell’immunosoppressione per il trapianto di polmone;
  • Reazione di incompatibilità dopo trapianto di midollo osseo;
  • Trattamento per prevenire la reazione dopo il trapianto di midollo osseo;
  • Aplasia eritroide pura associata a leucemia linfatica cronica.

Effetti collaterali della ciclosporina

Durante l’assunzione di ciclosporina possono verificarsi tremori, mal di testa, vertigini, crescita insolita di peli sul corpo, nausea / vomito, diarrea, disturbi allo stomaco o arrossamenti. Se uno qualsiasi di questi effetti dovesse durare o peggiorare, informate immediatamente il medico o il farmacista.

Possono inoltre verificarsi crescita e gonfiore delle gengive in modo insolito. Spazzolare i denti e usare il filo interdentale ogni giorno può aiutare a ridurre questo problema.

Ricordate in ogni caso che il vostro medico ha prescritto tale medicinale perché ha valutato che il beneficio è maggiore del rischio di effetti collaterali e che comunque molte persone che usano questo farmaco non hanno gravi effetti collaterali.

Tra gli altri effetti indesiderati, rammentiamo come questo farmaco può aumentare la pressione sanguigna. Controllate pertanto regolarmente la pressione sanguigna e informate il medico se i risultati sono particolarmente alti: il medico potrà scegliere di controllare la pressione del sangue con altri farmaci.

Ancora, informate immediatamente il medico se notate effetti indesiderati gravi, tra cui:

  • segni di problemi ai reni (come un cambiamento nella quantità di urina);
  • segni di malattia del fegato (come nausea / vomito che non si ferma, urina scura, occhi ingialliti / pelle, dolore allo stomaco / addominale);
  • lividi / emorragie facili;
  • stanchezza insolita;
  • debolezza / spasmo muscolare;
  • battito cardiaco lento / irregolare;
  • pelle intorpidita / formicolante;
  • forte dolore alle gambe.

Nel caso di effetti collaterali molto gravi, come quelli di seguito indicati, bene ricevere tempestivamente dell’assistenza medica:

  • cambiamenti mentali / dell’umore (come confusione, difficoltà di concentrazione);
  • cambiamenti della vista;
  • problemi con il linguaggio;
  • perdita di coordinazione;
  • debolezza su un lato del corpo;
  • dolore al petto;
  • convulsioni.

Una reazione allergica molto grave a questo farmaco è rara. Tuttavia, bisogna ricorrere a assistenza immediata se si verificano sintomi di una grave reazione allergica, tra cui:

  • eruzione cutanea;
  • prurito / gonfiore (specialmente del viso / lingua / gola);
  • forti capogiri;
  • problemi di respirazione.

Quello di cui sopra non comunque un elenco completo dei possibili effetti collaterali. Se notate altri effetti non elencati, contattate il ​​medico o il farmacista.

Precauzioni sull’uso di ciclosporina

Precauzioni sull’uso di ciclosporina

Prima di prendere la ciclosporina, informate il medico se avete allergie. Questo prodotto può contenere ingredienti inattivi, che possono causare reazioni allergiche o altri problemi. Ancora, informate il vostro medico dell’anamnesi, e in particolare di malattie renali, malattie del fegato, ipertensione, cancro, lesioni cutanee di causa sconosciuta, radioterapia (incluso trattamento leggero con PUVA o UVB), squilibrio minerale ( come basso livello di magnesio o alto livello di potassio), infezioni recenti / attuali, livelli elevati di colesterolo / trigliceridi.

Ulteriormente, ricordate che questo farmaco può contribuire a far venire le vertigini. L’alcol o la marijuana possono dunque accentuare il problema: limitare le bevande alcoliche. Ancora, la ciclosporina può farti avere maggiori probabilità di contrarre infezioni o peggiorare le attuali infezioni. Evitare il contatto con persone che hanno infezioni che possono diffondersi ad altri (come la varicella, il morbillo, l’influenza).

Inoltre, questo farmaco può aumentare il rischio di sviluppare il cancro della pelle. Limitate il vostro tempo al sole, evitate cabine abbronzanti e lampade solari. Utilizzate la protezione solare e indossate indumenti protettivi quando all’aperto. Tenete anche sotto controllo i livelli di potassio, che potrebbero crescere durante l’uso del prodotto: prima di usare integratori di potassio o sostituti del sale che contengono potassio, consultare il medico.

Ciclosporina in gravidanza e in allattamento

Durante la gravidanza, questo farmaco deve essere usato solo quando chiaramente necessario. Può infatti nuocere al nascituro o causare altri problemi al bambino, come una nascita prematura o un basso peso alla nascita. Questo farmaco passa inoltre nel latte materno. A causa del possibile rischio per il bambino, l’allattamento al seno durante l’utilizzo di questo farmaco non è raccomandato.

Interazioni della ciclosporina con altri farmaci

Le interazioni farmacologiche possono cambiare il modo in cui i farmaci agiscono o aumentare il rischio di gravi effetti collaterali. Come avviene con tutti i medicinali, anche la ciclosporina può interagire con alcuni prodotti che includono ad esempio farmaci che indeboliscono il sistema immunitario / aumentano il rischio di infezione (come natalizumab, rituximab, tofacitinib) e farmaci che possono aumentare i livelli di potassio (come gli integratori di potassio, alcuni diuretici  tra cui amiloride, spironolattone).

Altri farmaci possono influire sulla rimozione della ciclosporina dal corpo come boceprevir, bosentan, mifepristone, telaprevir, tra gli altri.

Questo farmaco può inoltre rallentare la rimozione di altri farmaci dal proprio corpo, che possono sempre influire sul loro funzionamento. Esempi di farmaci interagenti includono aliskiren, dabigatran, dronedarone, simeprevir, alcune statine (come pitavastatina, simvastatina), voxilaprevir.