Questo sito contribuisce alla audience di logo ilmessaggero

Betadine, caratteristiche e usi di questo medicinale contro le infezioni batteriche

Cos’è Betadine, quali sono le sue caratteristiche e come poter trattare le infezioni batteriche con il suo uso.

Betadine è un medicinale usato per trattare o prevenire infezioni batteriche. Generalmente il farmaco è ben tollerato, ma è naturalmente opportuno condividere con il proprio medico se avete allergia a povidone, iodio o qualsiasi altro componente di Betadine, o ancora se siete allergici a altri farmaci, alimenti o sostanze. Informate il tuo medico dell’allergia e di quali segni avete avuto, come l’eruzione cutanea; orticaria; prurito; mancanza di respiro; affanno; tosse; gonfiore del viso, delle labbra, della lingua o della gola; o altri segni.

Inoltre, è sempre opportuno informare il proprio medico di tutti i farmaci (prescrizione o OTC, prodotti naturali, vitamine) e problemi di salute che avete o avete avuto. È infatti assolutamente necessario verificare che sia sicuro per voi assumere Betadine prima dell’inizio della terapia.

Cosa sapere prima di prendere Betadine

Se i sintomi peggiorano o si prolungano per più di 7 giorni nonostante l’uso di Betadine, parlatene con il vostro medico. Ricordate inoltre che questo medicinale può causare danni se ingerito e che in questo caso è bene ricorrere al supporto di un pronto soccorso.

Informate inoltre il medico se siete incinta o se si sta pianificando una gravidanza. Avrete bisogno di parlare dei benefici e dei rischi dell’uso di Betadine durante la dolce attesa: gli stessi accorgimenti dovranno peraltro essere assunti anche nel caso di allattamento al seno.

Come usare Betadine

Come usare Betadine

Betadine deve essere usato secondo quanto ordinato dal medico. Leggete dunque bene tutte le informazioni che sono state fornite e seguire attentamente tutte le istruzioni.

Regole generali di buone prassi prevedono che ci si lavi le mani prima e dopo l’uso, e che non si assuma per via orale Betadine, considerato che è un prodotto topico da usare solo sulla pelle.

Cosa fare se si salta una dose di Betadine

Se ci si dimentica di usare la dose di Betadine prevista nel programma di cure, applicarla non appena cisi ricorda. Tuttavia, se è vicino il tempo della dose successiva, è meglio saltare la dose dimenticata e riprendere il normale calendario: non usare 2 dosi allo stesso tempo o dosi extra per compensare la mancanza.

Effetti collaterali di Betadine

Anche se può essere raro, alcune persone possono avere effetti collaterali molto gravi quando prendono un farmaco. Informate dunque immediatamente il medico se si manifesta uno dei seguenti segni o sintomi che possono essere correlati a un effetto collaterale serio, come:

  • sintomi di una reazione allergica, come l’eruzione cutanea; orticaria; prurito; pelle rossa, gonfia, con vesciche o desquamazione con o senza febbre; affanno; oppressione al petto o alla gola; difficoltà a respirare, deglutire o parlare; raucedine insolita; o gonfiore della bocca, del viso, delle labbra, della lingua o della gola;
  • rossore;
  • irritazione molto grave nelle aree in cui viene utilizzato Betadine.

Ad ogni modo, ricordate che tutti i farmaci possono causare effetti collaterali e che comunque molte persone non hanno alcun effetto sgradito, o hanno effetti collaterali minori. Inoltre, quelli di cui sopra non sono tutti gli effetti collaterali potenzialmente verificabili: pertanto, se avete domande sugli effetti collaterali di Betadine, provate a condividerlo con il medico.

Sovradosaggio di Betadine

È abbastanza difficile andare in una condizione di sovradosaggio di Betadine, apprezzabile sotto il profilo clinico. Tuttavia, se ritenete che vi sia stato un sovradosaggio, chiamate il vostro centro di soccorso portando con voi il medicinale e spiegando cosa avete preso e cosa è successo.

Come conservare Betadine

Betadine deve essere conservato a temperatura ambiente. Non bisogna congelare il prodotto, o esporlo a eccessive fonti di calore. Come gli altri farmaci, è bene conservare Betadine in un posto sicuro e tenere tutti i medicinali fuori dalla portata di bambini e animali domestici.

Gettare i farmaci inutilizzati o scaduti negli appositi contenitori, e non sciacquare in una toilette o versare in uno scarico a meno che non sia espressamente previsto. In caso di dubbi, bene rivolgersi al proprio farmacista se si hanno domande sul modo migliore per conferire correttamente il medicinale. Generalmente, ogni farmacia dispone di appositi punti di ritiro.

Avvertenze finali sull’uso di Betadine

Avvertenze finali sull’uso di Betadine

Di norma Betadine si rivela essere un medicinale particolarmente sicuro ed efficace. In ogni caso, se i sintomi o i problemi di salute che Betadine dovrebbe curare non migliorano o peggiorano nell’arco di una settimana, ricontattare il proprio medico per poter valutare ulteriori cure o ulteriori approfondimenti.

Ricordiamo ancora la necessaria abitudine di non condividere i farmaci con altre persone e, di conseguenza, non assumere farmaci di altri. Tenete poi un elenco di tutti i farmaci (da prescrizione, prodotti naturali, vitamine, OTC) che si è soliti assumere con se, e condividere questa lista con il proprio dottore per poter permettere al medico di compiere le opportune analisi su possibili interazioni.

Parlate altresì con il vostro medico in modo attento prima di iniziare ad assumere qualsiasi nuovo farmaco, compresa i medici da prescrizione o OTC, i prodotti naturali o le vitamine. Alcuni farmaci possono inoltre avere un altro opuscolo informativo sui pazienti: verificare la sua presenza con il farmacista e in caso di domande su Betadine è opportuno confrontarsi sempre con il proprio medico o con altro fornitore di assistenza sanitaria specializzata.

Infine, se ritenete che vi sia stato un sovradosaggio, è opportuno contattare il proprio centro di assistenza e di pronto soccorso.

Detto ciò, come sempre abbiamo modo di rammentare, per poterne sapere di più su questo medicinale e per poter sapere se Betadine possa o meno fare al caso vostro, vi invitiamo a parlare con il vostro medico curante, l’unica autorevole voce che potrà guidarvi verso una strada di ritrovato benessere.