Tachidol: come e perchè utilizzare questo farmaco.

276
Tachidol

Tachidol è un farmaco che si avvale di principi attivi come il paracetamolo e la codeina. Risulta indicato soprattutto nel trattamento sintomatico dei dolori di medio o elevato livello. La codeina, in particolare, risulta indicata nei pazienti che hanno almeno 12 anni di età per il trattamento di dolori più che moderati, non controllabili con il solo paracetamolo, o con il solo ibuprofene.

Come si usa

Tachidol è un medicinale che richiede la prescrizione medica e, a maggior ragione, dovrà essere il vostro medico curante a indicare la sua posologia.

Ad ogni modo, qualora non fosse possibile contattare il proprio medico, ci si può riferire al foglietto illustrativo, ove è indicata la posologia consigliata, ovvero:

  • compresse effervescenti: 1-2 compresse fino ad un massimo di 3 volte al giorno, ad intervalli di almeno 4 ore;
  • granulato effervescente in bustine: 1-2 bustine fino ad un massimo di 3 volte al giorno, ad intervalli di almeno 4 ore;
  • compresse: 1-2 compresse fino ad un massimo di 3 volte al giorno, ad intervalli di almeno 4 ore.

Come per ogni antidolorifico, al fine di evitare potenziali effetti collaterali è opportuno assumere il medicinale a stomaco pieno.

Avvertenze sull’uso

Avvertenze uso Tachidol

E’ suggerito evitare di assumere il medicinale se si è affetti da:

  • allergia o ipersensibilità al paracetamolo, alla codeina o ad uno qualsiasi degli eccipienti contenuti nel medicinale
  • insufficienza epatocellulare;
  • anemia emolitica;
  • insufficienza respiratoria;
  • gravidanza o allattamento;
  • sindrome da apnea ostruttiva;
  • si è subito un intervento di rimozione delle tonsille o adenoidi.

Vi sono poi alcuni casi in cui è sempre opportuno contattare il proprio medico per poter valutare la convenienza ad assumere il farmaco, come le ipotesi in cui si sia interessati da:

  • insufficienza epatica;
  • insufficienza renale;
  • abuso di sostanze alcoliche (più di 3 bevande al giorno);
  • anoressia;
  • bulimia;
  • cachessia;
  • disidratazione;
  • ipovolemia;
  • tosse grassa e grandi produzioni di catarro;
  • carenza di glucosio-6-fosfato deidrogenasi.

Infine, rammentiamo che è opportuno informare sempre il proprio medico sugli altri farmaci che si stanno assumendo, al fine di valutare se vi possano o meno essere delle interazioni.

Quelle indicate dal foglietto informativo sono:

  • sostanze a basi di paracetamolo;
  • farmaci che alterano le funzionalità del fegato;
  • anticoagulanti orali;
  • farmaci che prolungano l’effetto del paracetamolo;
  • medicinali che agiscono sul sistema nervoso centrale;
  • antidolorifici;
  • Metadone, Baclofen, Talidomide, Naltrexone.

Avvertenze sull'uso

Effetti collaterali

Come ogni medicinale, anche Tachidol può essere interessato da alcuni effetti collaterali di varia ampiezza e gravità.

I più noti effetti indesiderati, per quanto non comuni, fanno riferimento a sensazione di confusione, sonnolenza, respirazione lenta e difficoltosa, nausea e/o vomito, stipsi, pupille ridotte, inappetenza, reazione allergiche come gonfiore alle mani o arrossamenti della pelle.

Non è inoltre possibile escludere altri effetti indesiderati come:

  • riduzione del numero di globuli bianchi
  • sensazioni di eccitazione o sedazione
  • reazioni della pelle di vario tipo
  • disforia (ovvero, umore depresso con agitazione ed irritabilità)
  • epatite
  • insufficienza renale acuta
  • nefrite interstiziale
  • sangue nelle urine
  • dolore acuto all’addome
  • vertigini

Prezzo

Il prezzo di Tachidol 500 mg/30 mg 10bs è di 5,70 euro.

Conservazione

Tachidol deve essere conservato in un armadietto al di fuori della portata dei bambini. Il farmaco ha di norma una scadenza pari a 24 mesi.