Dieta e ipotiroidismo: i cinque alimenti consigliati per migliorare la salute

Dieta e ipotiroidismo, cosa mangiare e cosa evitare per gestire il problema. Ecco i cinque alimenti consigliati. 

Dieta e ipotiroidismo
(Foto Pexels)

Dieta e ipotiroidismo sono due fattori da tenere in considerazione ed equilibrare per gestire il problema. L’ipotiroidismo è una malattia autoimmune comune, associata spesso al deficit di minerali fondamentali come lo iodio. Conoscere gli alimenti e le proprietà utili a migliorare la salute è importante per tenere sotto controllo questa patologia.

Ipotiroidismo: gli alimenti da evitare

È importante conoscere i cibi che potrebbero causare danni alla ghiandola tiroidea interferendo con le sue funzionalità biologiche. I goitrogeni sono dei composti chimici che limitano l’azione di sintesi degli ormoni tiroidei. Queste sostanze sono contenute, in particolar modo, nelle verdure crucifere come broccoli, rape, ravanelli, cavolini di Bruxelles, verza e rucola. Anche il miglio contiene delle sostanze dannose per la tiroide. Un alto contenuto di goitrogeni è stato rilevato inoltre nella soia e nei suoi derivati.

Alimenti vietati
(Foto Pexels)

La dieta da seguire con ipotiroidismo: cosa mangiare

L’ipotiroidismo è una patologia che designa la carenza di iodotironine, degli ormoni, dalla struttura a base di atomi di iodio, che la tiroide produce in condizioni normali. Questi ormoni influenzano il tessuto lipidico e glucidico e sorvegliano il corretto funzionamento degli organi. Una corretta alimentazione, associata ad un apporto di iodio, potrebbe migliorare l’attività della tiroide.

Donna rasata si tocca la gola e la spalla
(Foto Pexels)

1) Le acciughe, un concentrato di iodio e selenio

Le acciughe sono un’importante fonte di iodio, selenio, zinco e ferro che contribuiscono alla salute della tiroide. Grazie alla loro dimensione ridotta, trasportano pochissime quantità di metalli pesanti, degli interferenti tiroidei. Inoltre esse sono ricche di acidi grassi utili alla salute come l’Omega-3.

Potrebbe interessarti anche: Omega-3, a cosa serve, i benefici e dove è contenuto

2) Yogurt greco

Ricco di iodio e, soprattutto, di proteine, lo yogurt greco è un ottimo alleato nella lotta contro l’ipotiroidismo. La sua assunzione giornaliera è consigliata e utile, in virtù della sua versatilità, per eventuali sperimentazioni culinarie.

3) Noci brasiliane, fonte di selenio

Le noci del Brasile sono un alimento consigliato nella dieta ipotiroidea in quanto costituiscono una fonte rilevante di selenio, vitamina E e ottime proteine. E’ importante tuttavia non esagerare per via della loro proprietà calorica.

Potrebbe interessarti anche: Frutta secca, un elemento fondamentale per la nostra alimentazione

4) Uova, un alimento versatile

Le uova sono un alimento fortemente consigliato in caso di ipotiroidismo. Esse contengono una rilevante dose di iodio utile a compensare la carenza apportata dalla patologia. Anche in questo caso, è importante non esagerare nel loro consumo, raccomandato a circa 2-3 volte a settimana.

5) Quinoa, miniera di iodio e zinco

Alimento alla base della cucina vegana, la quinoa è diventata protagonista di varie ricette alternative. Ricco di ferro e zinco, questo pseudo cereale si rende utile in caso di ipotiroidismo. Essendo priva di glutine è adatta anche in casi di tiroide autoimmune.

Sophia Melfi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *