Perché ci sentiamo sempre affamati? Cosa sostengono gli studi

Perché ci sentiamo sempre affamati? C’è una spiegazione scientifica al problema, vediamo di cosa si tratta.

sempre affamati
(Foto Pexels)

Come mai ci sentiamo sempre affamati? Di solito si tende a giustificare questi attacchi improvvisi per motivi di stress, ansia o tensione, ma c’è una spiegazione scientifica al problema. Esiste infatti una relazione tra gli zuccheri nel sangue e l’indice di appetito. Vediamo il motivo.

Perché ci sentiamo sempre affamati?

Il motivo per cui molte persone si sentono costantemente affamate, senza magari poi appagare quel senso di fame, potrebbe dipendere da diversi fattori. In primis dalla noia, dallo stress e nervosismo che generano fenomeni come quello della cosiddetta fame nervosa. La nostra alimentazione potrebbe essere inoltre scorretta e causarci un fastidioso senso di fame perenne. Le diete “fai da te” spesso causano disturbi o mancanze che si traducono in attacchi di fame o scompensi a livello fisico. La scienza è riuscita a spiegare perché ci sentiamo spesso affamati.

mangiare
(Foto Pexels)

Potrebbe interessarti anche: Gli alimenti che non dovrebbero mai mancare in una dieta equilibrata

Lo studio inglese e la ricerca sul livello di zuccheri nel sangue

Due università inglesi hanno effettuato una ricerca su 1070 volontari, andando ad esaminare il rapporto tra il livello di zuccheri nel sangue e l’aumento dell’appetito. Tramite un’app venivano controllati costantemente i livelli di glicemia dei pazienti e i livelli di fame. Tutti i volontari hanno scelto di consumare una colazione standard, mentre il resto dei pasti restava a loro discrezione. I ricercatori hanno notato come, dalla colazione, i volontari riuscivano a trascorrere circa tre ore senza cibo. Da questo si è dedotto che i cali di zucchero nel sangue erano collegati all’assunzione delle calorie e al livello di appetito.

Potrebbe interessarti anche: Alimenti che saziano di più: cibi che calmano la fame, utili per la dieta

Chi aveva forti diminuzioni di zuccheri nel sangue, sviluppava un aumento del senso di fame del 9% circa con conseguente assunzione di maggiori calorie giornaliere rispetto a chi non aveva questi sbalzi. Piuttosto che non ascoltare i segnali del nostro corpo, ignorandoli per dimagrire o altre convinzioni personali, è consigliato fare l’opposto. E’ bene mangiare solo quando si ha veramente appetito perché solo così tenderemo a bruciare più calorie. Mentre se si saltano i pasti o si segue un regime di alimentazione non adeguato al nostro fabbisogno calorico, è più probabile che si acquisisca più peso senza riuscire a smaltire le calorie ingerite.

Sophia Melfi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *