7 giugno: aggiornamenti delle restrizioni, coprifuoco e zone bianche

In un’Italia con regole in continuo mutamento vediamo come le restrizioni cambiano da oggi, lunedì 7 giugno: coprifuoco, nuove zone bianche e aggiornamenti per i ristoranti.

7 giugno restrizioni
(Foto Pexels)

Con la situazione epidemica in continuo miglioramento l’Italia prosegue il piano di allentamento delle restrizioni, continuando il percorso per ritornare verso la normalità. Sono quattro le regioni che stamattina si sono svegliate in zona bianca mentre il coprifuoco ha subito l’ultima modifica prima di essere abolito definitivamente. Oggi, lunedì 7 giugno, nuove restrizioni entrano in vigore: un nuovo orario per il coprifuoco, ulteriori regioni in zona bianca e regole aggiornate per i ristoranti.

Orario del coprifuoco dal 7 giugno

La maggior parte delle regioni rimane oggi ancora in zona gialla, ciò significa che gran parte dell’Italia dovrà ancora rispettare il coprifuoco. Oggi però il coprifuoco subisce l’ultima modifica prima di essere definitivamente abolito tra due settimane esatte, ovvero lunedì 21 giugno.

ristorante restrizioni
(Foto Pexels)

Il coprifuoco nelle zone gialle è da oggi spostato di un’ora e sarà quindi possibile circolare fuori casa fino a mezzanotte. Resta invariato l’orario per il mattino, come prima, dalle 5 si potrà iniziare ad uscire di casa. Nelle zone bianche invece il coprifuoco è già abolito e i cittadini possono muoversi liberamente a qualsiasi ora del giorno.

Quali regioni passano a zona bianca

Sono quattro le regioni che si uniscono a Sardegna, Molise e Friuli Venezia Giulia diventando zona bianca. Da stamattina anche i cittadini di Veneto, Umbria, Abruzzo e Liguria potranno godersi lo stato di zona bianca.

passanti
(Foto Pexels)

Le principali differenze tra zona gialla e bianca sono l’abolizione immediata del coprifuoco e orari liberi per i locali pubblici. In queste regioni riaprono in anticipo attività che sono ancora chiuse nel resto d’Italia come piscine coperte, centri sociali e culturali, sale giochi, parchi a tema e centri benessere.

Si alza a sei il numero di persone, ad esclusione dei figli, che può far visita all’abitazione di amici e parenti in zona bianca. Nelle regioni bianche è possibile inoltre festeggiare i matrimoni con invitati provvisti di green pass: tutti gli ospiti dovranno quindi essere sottoposti a tampone entro 48 ore dall’evento oppure essere stati già vaccinati o guariti dal Covid.

Rimane per i cittadini delle regioni bianche l’obbligo di attenersi alle norme anti contagio come portare la mascherina, praticare il distanziamento e igienizzare le mani.

Potrebbe interessarti anche: Vaccini: importante scoperta sulla seconda dose di Pfizer

Cosa cambia per ristoranti e locali

In zona bianca bar e ristoranti potranno ora permettere ai clienti di sedere ad un massimo di sei persone tutte allo stesso tavolo anche al chiuso. Per le zone gialle invece il limite ai tavoli interni resta di quattro persone.

Rimane invariata la situazione delle discoteche. La prossima settimana però il governo dovrebbe prendere una decisione in merito alle riaperture spinto dalle necessità dei proprietari dei locali.

Potrebbe interessarti anche: Dolore al braccio dopo il vaccino: perché viene e cosa fare per prevenirlo

I prossimi allentamenti delle restrizioni

Dagli attuali dati di trasmissibilità è stato comunicato che sei nuove località potrebbero passare a zona bianca la prossima settimana. Le regioni che hanno ottime probabilità di effettuare il passaggio sono Lombardia, Lazio, Piemonte, Emilia Romagna e Puglia alle quali si aggiunge la Provincia autonoma di Trento.

Dal 21 giugno invece l’unica regione che dovrebbe rimanere gialla sarà la Valle d’Aosta. I dati sono promettenti infatti per far passare anche Toscana, Sicilia, Marche, Basilicata, Calabria e Campania in zona bianca.

Elena O.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *