Jet lag: tutti i trucchi naturali per sconfiggere il “mal di fuso”

Se avete preso un aereo per una destinazione lontana, potreste aver sofferto di jet lag. Vi diciamo come sconfiggerlo, per una vacanza serena sin da subito.

volo aereo
(Foto: Pexels)

Viene definito anche “mal di fuso” perché è formato da un gruppo di sintomi che appaiono quando si raggiungono destinazioni lontane, che abbracciano, cioè, più fusi orari. Il problema sta nella difficoltà del corpo di adattarsi ad una diversa alternanza tra luce e buio. La sindrome del jet lag, che genera insonnia e malumore, può insorgere già dalle prime ore di volo. Fortunatamente, però, esistono alcuni rimedi naturali, che è possibile mettere in campo per sconfiggerlo. Così da potersi godere le vacanze, in tutta serenità e sicurezza, sin dal primo momento.

Mal di fuso: significato

viaggiare
(Foto: Pexels)

Si chiama anche “mal di fuso”, perché è un insieme di sintomi che si autogenerano quando, con un volo aereo, attraversiamo più di 2 fusi orari, sconvolgendo la produzione di ormoni e, quindi, i nostri ritmi circadiani.

Può essere pericolosa in viaggio, se si manifesta anche con difficoltà di espressione e pensiero, minor concentrazione, impaccio nei movimenti e una diminuita lucidità di riflessi.

Potrebbe intreressarti anche: Viaggiare comodi in aereo, come fare? Con questi consigli sarà facilissimo

Cosa succede a mente e corpo

mal di fuso
(Foto: Pexels)

La sindrome da jet leg si presenta frequentemente con confusione, insonnia, mal di testa, malumore e stanchezza. E può durare per 2-3 giorni come 10. Dipende dalla destinazione. Ma non solo.

A peggiorarla sono anche altri fattori come:

  • Età
  • Numero di fusi attraversati
  • Direzione del viaggio

Se si va nel Regno Unito, il nostro corpo non subisce alcun tipo differenza. Più aumenta la distanza con il luogo di partenza, invece, più si fa sentire, perché aumenta la discronia circadiana.

Inoltre, le ricerche sembrano affermare che si ha più difficoltà a riadattarsi ai propri ritmi quando si viaggia verso Oriente, dove l’orologio può essere fino a 14 ore avanti!

Jet lag: rimedi

jet lag
(Foto: Pexels)

In linea di massima, se si attraversano 6 fusi verso Ovest, i giorni richiesti per superare il jet lag corrispondono alla metà (3 ore). Mentre a Est, il numero è pari ai 2/3.

La soluzione ideale è prepararsi molto prima di alzarsi in volo. Decidendo, ad esempio, di viaggiare durante la notte, specialmente se verso Est. In questo modo, si potrà dormire in aereo, per ritrovarsi nel nuovo Paese a giornata iniziata.

Ti potrebbe interessare anche: Cibi e insonnia: scopri perché non dovresti cenare tardi

Altri consigli sono:

  • Preparare il corpo con almeno 2 notti di sonno ristoratore;
  • Non cercare di dormire più del dovuto prima di partire;
  • Evitate bevande alcoliche o eccitanti già in volo;
  • Concedetevi 30 minuti di riposo all’arrivo;
  • Esponetevi alla luce solare in modo da abituare il corpo;
  • Sforzatevi di rispettare i nuovi orari di pranzo e cena;
  • Se necessario, assumete melatonina e ginseng;

E ricordate che le persone al di sopra dei 50 anni fanno più fatica ad abituarsi rispetto a quelle più giovani.

Per ricevere dritte e aggiornamenti su lifestyle, beauty e benessere, seguici su Instagram e Pinterest.

La Ica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *