Allenamento per le spalle: i consigli di una campionessa olimpica

Potenziarle è importante per tutt*, perché migliora la postura e diminuisce il carico sulla schiena. Scopri l’allenamento per le spalle di una campionessa.

spalla
(Foto: Pexels)

Una routine di allenamento che include anche le spalle, migliora la postura e aiuta a tenere lontani i dolori alla schiena. Kyra Condie è passata dalla chirurgia alla schiena alle Olimpiadi di Tokyo. La campionessa americana soffriva, infatti, di scoliosi grave, ma con molto allenamento e un solo trucco, è riuscita a stringere per le mani il traguardo più ambito per un’atleta. Scopri qual è l’allenamento per le spalle di un’arrampicatrice olimpica; seguendo alcuni semplici accorgimenti, e soprattutto un buon riscaldamento, potrai anche tu rafforzarle senza slogarle.

Una storia che ispira

campionessa olimpionica arrampicata
(Foto: Getty Images)

L’arrampicata indoor ha appena fatto la sua comparsa ai Giochi Olimpici e consta di ben 3 sottodiscipline, che richiedono forza e velocità. Ma Kyra Condie si allenava a quel traguardo da quando aveva 12 anni, quando, cioè, ha dovuto sottoporsi alla chirurgia correttiva per la schiena.

“È stata il più grande ostacolo della mia carriera” ha dichiarato, riferendosi all’operazione, “Adesso però so su cosa ho il controllo e su cosa no.”

E infatti da allora non si è più fermata, portando a casa diversi piazzamenti importanti, fino alla qualifica, nel 2019, per le Olimpiadi di Tokyo di quest’anno.

Potrebbe interessarti anche: La boxe è lo sport che rende tutti migliori

Ma qual è il suo trucco?

ragazza che si allena
(Foto: Pexels)

Nonostante ore e ore di allenamento in palestra, l’arrampicatrice olimpica sostiene che il vero trucco sta in un semplice esercizio, che si può fare anche a casa.

Il movimento di abduzione della spalla è infatti un ottimo riscaldamento, che oltre a potenziare, previene gli infortuni. Può essere integrato con l’uso dell’elastico, per mantenere il gomito in linea.

Guarda questi 2 video, messi a disposizione da un fisioterapista della Cornell University, per sapere come riprodurlo in maniera corretta.

Questo esercizio viene, infatti, usato anche in riabilitazione. In aggiunta, usa un asciugamano. Da posizionare arrotolato sotto l’ascella che lavora.

 

Potrebbe interessarti anche: La dieta di Marcell Jacobs, cosa mangia l’uomo più veloce al mondo

Per ricevere dritte e aggiornamenti su lifestyle, beauty e benessere, seguici su Instagram e Pinterest.

La Ica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *