Tagliare i capelli fa bene: vediamo perché

Che diventino più forti non è vero. E poi non ne migliora né accelera la crescita, che è fisiologica. Ma tagliare i capelli fa bene. Vediamo perché.

forbici e spazzole
(Foto: Pexels)

Tagliare i capelli fa bene, perché ne migliora l’aspetto, quando sono fragili e sfibrati. Non c’è ragione di farlo se appaiono sani, a meno di voler cambiare look. È infatti solo un mito, che accorciarli serva a farli diventare più forti. Inoltre, non ne accelera la ricrescita, che dipende dalla tipologia di capello e ha comunque una cadenza di 1 centimetro al mese. Per rafforzarli, bisognerebbe fare come con i peli: la ceretta; oppure utilizzare impacchi in grado di irrobustirne il fusto. Ma tagliarli è comunque un’ottima abitudine, perché eliminando le doppie punte, le lunghezze ricresceranno al meglio.

Perché tagliare i capelli fa bene

doppie punte
(Foto: Pexels)

Non sarà in grado di rinforzare le chiome né di accelerarne la crescita, ma tagliare i capelli è un’ottima abitudine perché li rende più sani.

Sarebbe necessario farlo dalle 4 alle 6 volte l’anno. Anche quando la capigliatura vi appare “svuotata” e quando vedete che non prende più forma dopo averla spazzolata.

Il momento giusto per eliminare le lunghezze sfibrate è dalle 12:00 alle 18:00, nei giorni di luna crescente. Questo è il periodo in cui la crescita è maggiormente favorita.

Per aumentarne la velocità, però, sarà necessario che il cuoio capelluto venga stimolato con un massaggio. Utilizzate un impacco con cipolla e miele. Oppure l’acqua di zenzero. Per farli apparire lucenti, si può nutrirli con dell’olio di ricino.

Potrebbe interessarti anche: Maschere per capelli fai da te: le soluzioni naturali alla tua chioma

Come irrobustire i capelli

taglio corto
(Foto: Pexels)

Per la psicologia, tagliare i capelli significa voler chiudere un capitolo della propria vita. Il che potrebbe essere una scusa per cambiare look.

I capelli corti si manutengono più facilmente, ma attenzione a non lavarli troppo spesso, specialmente se con detergenti aggressivi che ne facilitano la caduta. Altri fattori? Squilibri ormonali, alimentazione scorretta e stress.

Per farli diventare più robusti, sarà necessario fare degli impacchi, ad esempio con olio d’oliva o di ylang ylang. Lavanda, avena e avocado sono ideali, invece, per i capelli fini.

Potrebbe interessarti anche: I migliori tagli corti per l’estate

Per ricevere dritte e aggiornamenti su lifestyle, beauty e benessere, seguici su Instagram e Pinterest.

La Ica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *