Poke bowl fatta in casa: i consigli per prepararla in maniera impeccabile

Ti sei mai chiesta come mangiare una gustosa poke bowl fatta in casa? Scopriamo tutti i consigli utili per preparare nella maniera più corretta possibile questa ricetta che sta diventando sempre più comune.

poke bowl fatta in casa
(foto pixabay)

La poke bowl sta diventando un piatto sempre più comune, ma oggi andremo a parlare nello specifico di quella fatta in casa. In particolare scopriremo quali sono i consigli per prepararla a regola d’arte e gustare una pietanza che sta spopolando ogni giorno di più.

Una ricetta gustosa e completa

Recentemente, la poke bowl sta andando sempre più di moda, ma di cosa parliamo precisamente? La ricetta è di origine hawaiana e come dice il suo nome si tratta di una vera e propria ciotola in cui si possono aggiungere tutti gli ingredienti che si preferiscono al fine di comporre un pasto completo.

poke fatto in casa
(foto pexels)

Soffermiamoci adesso sugli ingredienti da aggiungere in questa ciotola tanto famosa. In primo luogo il riso, che costituisce il carboidrato di tale pietanza. Successivamente andremo a scegliere quale tipologia di pesce crudo aggiungere. Poi è la volta è l’aggiunta del frutto, ci riferiamo all’avocado o al mango. Infine bisogna scegliere la verdura che più ci piace: un esempio posso essere le zucchine, la cipolla o della semplice insalata. Questo mix fa si che la poke bowl sia una ricetta davvero completa.

Potrebbe interessarti anche: Quante sono le calorie del sushi? Scopriamo se questo alimento fa ingrassare

Poke bowl fatta in casa? Ecco come

Ma come preparare una perfetta poke bowl? Scopri tutti i passaggi da fare per gustare questa pietanza comodamente a casa tua. Vediamo come lavorare gli ingredienti menzionati in precedenza ed anche qualche dettaglio in più. Insomma, a seguire ci saranno tutti i consigli efficace per prepararla a regola d’arte.

Riso

Per una persona basteranno al massimo 100 grammi di riso basmati, che va cotto nella maniera consueta. Ovviamente prima di aggiungerlo nella ciotola bisogna farlo completamente raffreddare.

Pesce crudo

Quando utilizziamo il pesce crudo a prescindere dal tipo dobbiamo soffermarci in maniera imprescindibile sulla qualità. Ci si deve infatti assicurare che il pesce sia abbattuto e che non contenga alcuna lisca. Possiamo scegliere la proteina che più ci piace tra salmone, tonno, branzino e pesce spada. Il pesce deve essere tagliate a cubetti; la quantità consigliata è di 100 grammi.

pesce crudo
(foto pexels)

Mango e/o avocado

Dopo esserci concentrati sulle proteine passiamo ai due frutti tipici della poke bowl: il mango e l’avocado. Se si ha particolarmente fame o semplicemente non sappiamo quale scegliere, possiamo anche aggiungerli entrambi. Essi contribuiranno senza dubbio a rendere il piatto completo e nutriente.

Potrebbe interessarti anche: Sai che l’avocado aiuta a tingere i vestiti? I trucchi per farlo in casa

Verdura

Arriva adesso il momento di aggiungere la verdura. Oltre a specificare che deve essere anch’essa tagliata a cubetti e che la quantità dovrebbe essere ancora una volta di 100 grammi, la scelta è davvero molto libera. Pomodori, zucchine, cetriolo e cipolle sono solo alcuni esempi, puoi dare sfogo alla tua creatività, ma soprattutto al tuo gusto personale.

poke bowl completo
(foto pexels)

Altri ingredienti

Passiamo adesso agli ultimi ritocchi per rendere la poke bowl davvero completa. Innanzitutto sono immancabili i semi di sesamo, poi se vogliamo possiamo aggiungere gli edamame, ovvero dei fagiolini di soia molto utilizzati nella cucina orientale. Infine, la salsa per condire il tutto: solitamente si utilizza quella di soia, ma possiamo anche optare per quella agrodolce se la preferiamo.

Poke bowl: un piatto, innumerevoli ipotesi

Abbiamo appena spiegato come preparare una perfetta poke bowl, ma in realtà le alternative sono davvero innumerevoli. Ci siamo infatti limitati a spiegare la variante classica, cioè quella che include riso, pesce crudo e qualche verdura a nostro piacimento, la verità è che le poke bowl si possono modificare come meglio si crede.

poke a pranzo
(foto pexels)

Se non gradisci il pesce crudo puoi sostituirlo con del pesce cotto o della carne. Addirittura si può sostituire il riso con 100 grammi di pasta: un’idea potrebbero essere gli spaghetti di riso o di soia. Ancora, se stai seguendo una dieta ben precisa e vuoi mangiare un po’ di meno puoi escludere il carboidrato ed arricchire la tua poke bowl con più verdure. Insomma, puoi personalizzare questo pasto come più ti piace.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *