Dall’Afganistan a Tokyo: il sogno di due atleti paralimpici si avvera

Sono passati meno di 15 giorni dall’appello di Zakia Khudadadi alla stampa. Finalmente, i due atleti afghani sono arrivati a Tokyo.

paralimpiadi
(Foto: Pexels)

Sia Zakia Khudadadi che Hossain Rasouli riusciranno a competere ai Giochi Paralimpici di Tokyo. L’accorata richiesta, inviata dai due atleti afghani su un gruppo Whatsapp, ha fatto subito il giro del mondo, causando un tamtam mediatico che ha portato la Royal Air Force australiana a mettere in salvo i due, impossibilitati a partire perché bloccati all’aeroporto da un intervento militare. Kabul è stata presa di nuovo dai Talebani, lo scorso 15 agosto e ora che gli americani hanno battuto in ritirata rimane la paura. Come quella nel messaggio di Zakia, che grazie alla comunità internazionale potrà, ora, gareggiare.

Sembravano spacciati ma la comunità internazionale li ha aiutati

arleti afghani tokyo 2020
(Foto: Getty Images)

“Ho lavorato per 5 anni per questo. Vi prego, aiutateci”, ha confessato Zakia alla stampa il 17 agosto, dopo che Kabul era caduta, di nuovo, in mano ai Talebani.

Le parole hanno rieccheggiato per tutto il web, a partire da Londra, dove risiede il capomissione del comitato paralimpico afhgano che ha riferito il messaggio ad Al Jazeera.

Sia lei che il suo collega, Hossain Rasouli, erano rimasti bloccati all’aeroporto, ma una missione di salvataggio li ha portati prima in Europa, poi a destinazione.

Potrebbe interessarti anche: Allenamento per le spalle: i consigli di una campionessa olimpica

Non sono riusciti a presentarsi alla cerimonia di apertura del 24, dov’era presente solo il portabandiera. Ma dopo la paura e il dolore della rinuncia, l’importante è esserci, con la speranza che la vicenda possa trasformarsi in una richiesta d’asilo.

Khudadadi, poco più che ventenne, è la prima atleta paralimpica dell’Afghanistan dopo Atene 2004. Atterrata il 28 agosto, si esibirà giovedì sul tatami del taekwondo nella categoria 44-49 chilogrammi, per gli ottavi di finale.

Potrebbe interessarti anche: La boxe è lo sport che rende tutti migliori

In testa solo Rohullah Nikpai, unico afghano andato a medaglia proprio nel taekwondo: «Mi sono ispirata a lui e ho deciso di dedicarmi allo sport. Per fortuna, anche la mia famiglia mi ha sostenuto», .

Hossain Rasouli, invece, ha perso la gara dei 100mt, ma farà la sua comparsa venerdì per i 400, e ieri ha esordito nel salto in lungo.

Per restare aggiornat* con news e novità dal mondo del benessere, seguici su Instagram e Pinterest.

La Ica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *