La classifica della frutta e verdura più contaminate da pesticidi

Un nuovo studio inglese ha trovato tracce di pesticidi in frutta e verdura contaminate che consumiamo regolarmente ogni giorno. Tutti i dettagli.

frutta e verdura più contaminate
(Foto Pixabay)

Un nuovo studio condotto nel Regno Unito svela la classifica della frutta e verdura più contaminate da pesticidi. Infatti, si rileva la presenza di circa 122 pesticidi su 12 tipi di prodotti ortofrutticoli esaminati. E si tratta di frutta e verdura comune che tutti consumiamo regolarmente ogni giorno. Ecco la lista ufficiale.

La lista di frutta e verdura più contaminate da pesticidi: l’allerta alimentare

Un nuovo studio condotto dalla Pesticide Action Network (PAN), in Inghilterra, conferma come frutta e verdura che consumiamo quotidianamente siano contaminate da pesticidi. Infatti i pesticidi sono ormai onnipresenti e l’esposizione dei consumatori ad essi è sempre più frequente. Ma qual è la lista della frutta e verdura più contaminate da queste sostanze tossiche? A questo proposito, il governo britannico effettua controlli regolari su frutta e verdura all’interno del paese. I risultati però sono sconcertanti: su 12 tipi di prodotti ortofrutticoli presi in esame, è emersa la presenza di ben 122 pesticidi. Ecco la classifica definitiva.

frutta e verdura
(Foto Pixabay)

Cocktail di pesticidi: frutta e verdura maggiormente esposte

Tra la frutta e la verdura più esposte al contatto con i pesticidi rientrano l’uva, frutta di stagione per il mese di settembre e ottobre e le arance, regolarmente consumate durante l’anno per il loro potente apporto vitaminico. Ma oltre a questi prodotti ce ne sono altri 10 con relativa percentuale di contaminazione:

  • Uva 87,2%
  • Arance 86,7%
  • Frutta disidratata 81,9%
  • Erbe aromatiche 81.3%
  • Pere 73.6%
  • Piselli 51,6%
  • Fagioli 34,7%
  • Okra 24.7%
  • Lattuga 23.6%
  • Fagioli (secchi) 19.4%
  • Carote 17.1%
  • Mango 15.2%

Inoltre, in molta frutta e verdura compaiono tracce di più pesticidi messi insieme. Tra i pesticidi analizzati, 47 di quelli studiati dalla Pesticide Action Network sono cancerogeni (neonicotinoidi, imazalil, glifosato), 15 sono dannosi per la riproduzione e per lo sviluppo (clorpirifos, 2,4-D) 17 sono inibitori e alterano il sistema respiratorio, mentre altri sono interferenti endocrini (difenconazolo) e quindi letali per chi soffre di patologie autoimmuni collegate alla tiroide.

Potrebbe interessarti anche: Frutta e verdura più contaminati: la lista nera del regno dei pesticidi

Il problema dell’utilizzo dei pesticidi nell’agricoltura intensiva

Alla base di questo studio condotto sulla percentuale di pesticidi presenti in frutta e verdura c’è la volontà di sottolineare un problema a cui tutta la popolazione globale è sottoposta: ovvero il contatto quotidiano con sostanze tossiche e cancerogene. Sebbene si tratti di percentuali di pesticidi nella norma di legge, non si conoscono ancora gli effetti, soprattutto a lungo termine, di queste combinazioni letali di sostanze tossiche.

analisi
(Foto Pixabay)

A proposito della ricerca, un utente dichiara: “Queste cifre evidenziano l’ampia gamma di sostanze chimiche a cui siamo esposti quotidianamente attraverso la nostra dieta. Mentre i limiti di sicurezza continuano a essere fissati per un solo pesticida alla volta, stanno crescendo le prove che le sostanze chimiche possono combinarsi per essere più tossiche.” Qual è dunque la soluzione da adottare? Sicuramente spingere verso una scelta alimentare più consapevole che si basi sul consumo di alimenti biologici e il divieto di utilizzo di pesticidi, anche in combinazione.

Potrebbe interessarti anche: Richiamo alimentare: tisane ai pesticidi, pericolose per la nostra salute

Tuttavia, come sottolineano alcuni, non tutti possono permettersi di accedere ad un regime alimentare totalmente biologico, per questo si rende necessario uno studio a monte che quantomeno rendi il consumatore più consapevole dei livelli di pesticidi presenti nei prodotti che acquista regolarmente. In modo da informare e consentire una scelta orientata verso i prodotti meno contaminati.

Sophia Melfi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *