Bonus Caldaia, a quanto ammonta e come si applica

Cosa bisogna sapere in merito al Bonus Caldaia previsto dalla Legge di Bilancio 2021. Chi può usufruirne e quanto permette di recuperare.

Bonus Caldaia come ottenerlo
Bonus Caldaia come ottenerlo Foto screenshot

Bonus Caldaia, il provvedimento incluso all’interno della Legge di Bilancio 2021 offre ad alcuni la possibilità di potere usufruire di un rimborso in piena regola per le spese affrontate allo scopo di ammodernare le proprie strutture di efficientamento energetico. In alcuni casi si può arrivare anche al 65%.

Cosa c’è da sapere in merito al Bonus Caldaia? Che sarà possibile richiederlo inoltrando domanda entro e non oltre il 31 dicembre di quest’anno in corso. In tale data occorre avere sostituito la propria caldaia, mostrando come prova quella del bonifico bancario e non quella della fattura che il tecnico apposito ci ha rilasciato.

Il Bonus Caldaia viene detratto sull’Irpef e sull’Ires per sostituire la vecchia caldaia con una nuova e che funzioni  condensazione. Deve essere di classe A o superiore, o senza valvole. Serve necessariamente una relazione da parte del tecnico che ci assiste in base alla quale viene riconosciuto un miglioramento di erogazione dell’energia tramite l’installazione del nuovo impianto.

Bonus Caldaia, come e quando si applica

Foto screenshot

La detrazione precisa viene frazionata in dieci parti tra loro uguali, da scaricare nel 730 oppure nel modello unico. Al 2021 possono essere detratti al massimo trentamila euro, in dieci annualità tutte con rate uguali tra loro.

Potrebbe interessarti anche: Regina Elisabetta, il mondo in ansia: la sovrana deve riposare

Sempre la detrazione partirà per i prossimi dieci anni, a partire dalla dichiarazione dei redditi 2022. Sono incluse nel Bonus Caldaia:

  • smontaggio e dismissione della vecchia caldaia;
  • riammodernamento della rete di distribuzione;
  • riammodernamento dei sistemi di lavorazione dell’acqua e di emissione;
  • ammodernamento dei sistemi di accumulo;
  • posa in opera e fornitura delle apparecchiature richieste (di tutti i tipi) per la sostituzione della caldaia esistente con una a condensazione;

Potrebbe interessarti anche: Spese di Natale, il 2021 si chiude con una mazzata: prepariamoci

Potrebbe interessarti anche: Lavare piumini e giacche a casa, senza andare in lavanderia: ecco come

Si tratta di un incentivo importante per migliorare non solo la situazione in merito all’impatto ambientale ma anche quella relative alle condizioni di sicurezza, con un impianto più moderno, efficiente e capace di garantire sicurezza in casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *