Bolletta del telefono, come evitare i sovrapprezzi: va letta così

In che maniera possiamo evitare possibili brutte novità contenute nella nostra bolletta del telefono. Cosa dobbiamo sapere per non farci trovare impreparati.

Bolletta del telefono come va letta
Bolletta del telefono come va letta Foto da Adobestock

Bolletta del telefono, al suo interno sono presenti dei riferimenti che sarebbe meglio controllare con maggiore minuzia. In questo modo sapremo al cento per cento se l’importo indicato in calce e che siamo chiamati a pagare corrisponde davvero a quelli che sono i contratti che abbiamo firmato.

Potrebbero presentarsi delle situazioni per le quali la sorpresa sgradita è sempre dietro all’angolo. Per fortuna c’è da dire che l’atteggiamento delle compagnie telefoniche ha intrapreso una strada volta alla maggiore trasparenza. Cosa che dovrebbe rassicurarci in relazione a quello che è il contenuto della nostra bolletta del telefono.

La prudenza non è mai troppa però, ed è comunque sempre meglio aggiornarsi, restare informati e controllare abbonamenti e tariffe varie che ci riguardano. Sia per quanto riguarda la telefonia che la connessione ad internet.

Bolletta del telefono, cosa bisogna sapere

Foto dal web

Torna utile anche apprendere come è struttura una bolletta del telefono. In alto abbiamo i nostri dati anagrafici e personali, che constano in nome, cognome, codice fiscale ed indirizzo di riferimento dell’utenza, con anche il numero di telefono al quale la bolletta è associata.

Se c’è solo una tariffa intente, senza alcun abbonamento ad un telefono fisso, è presente invece un codice alfanumerico.

Seguono poi i costi da onorare, Iva compresa, e la data massima da rispettare per il pagamento prima che scatti la mora. Che comunque è di pochissimo, per quanto riguarda il breve periodo.

Leggi anche: Attivo il bonus latte artificiale per le mamme: come richiederlo

C’è poi una seconda pagina all’interno della quale sono presenti offerte, costi totali, sconti da potere eventualmente applicare ed altre informazioni sui nostri abbonamenti. Quelli “flat” hanno un costo fisso e quindi non ci dovrebbero essere sgradite scoperte. In alternativa c’è un piano consumi.

Leggi anche: Termosifoni accesi di notte: un grave errore da non commettere, i motivi

Leggi anche: Rubinetto con poca pressione d’acqua? Potrebbe essere questa la causa

Eventuali servizi non richiesti vanno indicati per legge nella bolletta e comunque serve sempre preventivamente il chiaro consenso dell’utente prima della loro attivazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *