Lavare i piatti in modo efficace? Le alternative al sapone

Se avete finito il sapone o il detersivo e non sapete come fare per lavare i piatti, ci sono delle alternative molto valide.

Lavare i piatti
Lavare i piatti (Foto di RODNAE Productions da Pexels)

Può capitare a volte di finire il sapone, il detersivo, e non voler lavare i piatti nella convinzione che serva solamente quel prodotto per pulirli bene. Non è così. Ci sono delle validissime alternative al detersivo per i piatti e ve le illustreremo in questo articolo con il modo si procedere.

Ad esempio, un prezioso aiuto può essere il bicarbonato di sodio. Se avete finito il sapone, vi siete dimenticati di comprarne uno nuovo, niente paura. Vi basterà mettere i piatti in una bacinella con acqua e poi versare il bicarbonato di sodio in modo da creare una pastella a contatto con l’acqua. Strofinate i piatti in modo circolare per pulirli e igienizzarli al meglio. Se ci sono macchie ostinate lasciate agire la pastella per qualche minuto. Poi sciacquate bene sotto acqua corrente.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Come sbiancare i denti usando il bicarbonato di sodio

Ma ci sono altre due alternative. Una è la candeggina al cloro, mentre l’altra è usare la cenere. Questa è molto utile se magari avete appena finito di fare il barbecue. Ma ecco qui di seguito come procedere in questi casi.

Lavare i piatti in modo efficace usando la cenere e la candeggina al cloro

Fare detersivo per piatti con Bimby
Lavare i piatti (Screenshot da Facebook)

La candeggina al cloro è un ottimo igienizzante per i piatti. Prima di tutto sciacquateli bene sotto l’acqua in modo da togliere i residui di cibo. Poi preparate un contenitore grande con 3,75 litri di acqua fredda. Aggiungete 1 cucchiaio di candeggina al cloro per 1 litro di acqua. Immergete i piatti per un minuto o un po’ di più se magari temete che non siano stati liberato completamente dai batteri. Poi metteteli in uno scolapiatti, aspettate che si asciughino completamente prima di riutilizzarli.

Potete, però, usare anche la cenere. Tanto tempo fa si usava solamente quella per pulire, ad esempio, le lenzuola. Raccogliete la cenere dopo il vostro barbecue in una pentola. Lasciatela raffreddare completamente e assicuratevi che non ci siano materiali nocivi che sono stati bruciati, come la plastica. Poi versate acqua calda in modo da formare una pasta. Mescolate bene e lasciate riposare per qualche minuto.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Lavare i piatti: come farlo risparmiando sia a mano che in lavastoviglie

In questo modo si creerà una soluzione alcalina in grado di sciogliere il grasso dai piatti. Attenzione a non toccare la pasta con le mani, usate dei guanti, e a non contaminare poi fiumi o ruscelli con la cenere. Spalmate la pasta sui piatti e poi sciacquate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *