La caffettiera non serve solo a preparare il caffè: modi alternativi di usarla

La caffettiera è usata per preparare il caffè. Ma in realtà si presta molto bene a preparare anche altre cose. Vediamole insieme.

caffettiera
Caffettiera con tazzina (Foto di Elle Hughes da Pexels)

La caffettiera è diventata ormai un elemento che non può mancare nelle nostre case da quando Alfonso Bialetti la inventò nel lontano 1933. Con il tempo si è diffuso anche il nome di Moka per indicarla. Questo nome arriva dalla città omonima dello Yemen da cui partivano i grandi carichi di caffè. Adesso ce ne sono di tantissimi tipi per cercare di preparare il caffè adatto a tutte le esigenze.

C’è chi ama usarla sempre e comunque per fare un caffè delizioso, morbido e profumato. L’odore del caffè si diffonde in tutta la casa. Ma forse non tutti sanno che ultimamente chef anche molto importanti e famosi hanno iniziato ad usarla non soltanto per preparare un buon caffè. Infatti, la usano per preparare altre cose sempre in cucina.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Caffè con il miele al posto dello zucchero: quale usare e i benefici

Pensate che con la caffettiera si possono fare zuppa e fumetto di pesce, ma anche il brodo. Non ci credete? Vediamo qui di seguito come fanno a fare altre cose dal caffè gli esperti di cucina.

La caffettiera non serve solo a preparare il caffè: modi alternativi di usarla

Preparare caffè moka
Caffettiera sul fuoco (Screenshot da Pexels)

Una delle cose che adesso si preparano con la caffettiera, e non è il caffè, è la zuppa di pesce. Si mette acqua e vino bianco in parti uguali e si aggiunge aglio, spezie e un po’ di sale. Carote, cipolla e sedano andranno invece nel filtro. Sul fondo vanno messi pomodorini e gamberi con un po’ di olio. A questo punto si può accendere il fuoco e aspettate che salga il liquido. Mettetelo a poco a poco in una ciotola o in un piatto, poi alla fine aggiungete pomodorini e gamberi.

Ma gli chef fanno anche il fumetto di pesce. Tostano i crostacei e poi li inseriscono nel filtro, riempiono la caffettiera con l’acqua e poi procedono come se stessero facendo del caffè. Inoltre, allo stesso modo si può fare il vin brulè. Basterà mettere del vino rosso nella caffettiera, mentre nel filtro aggiungere un po’ di buccia di limone e arancia insieme ad alcune spezie.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Il caffè non sale? La vostra Moka potrebbe essere intasata

Infine, è ottima anche per preparare un buon brodo, sia di carne che di pesce. Nella caldaia della caffettiera inserite dell’acqua ma che arrivi sotto alla valvola. Nel filtro, naturalmente, andranno tutte le spezie e le verdure a pezzi. Gli chef, però, dicono di non usare polveri. Come avete visto, non solo caffè, in quel lontano 1933 Bialetti ha creato qualcosa che si può prestare molto bene anche a brodi, zuppe e non solo. Non vi resta che provare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *