Bonus Mobili, c’è un enorme vantaggio al suo interno: pagate la metà

All’interno del Bonus Mobili è presente una voce che conduce ad un risparmio notevole nel caso di un acquisto specifico. Bisogna subito approfittarne.

Bonus Mobili il grande vantaggio al suo interno
Bonus Mobili il grande vantaggio al suo interno Foto dal web

Bonus Mobili, il provvedimento stilato dal Governo e che riguarda anche gli elettrodomestici contiene al suo interno un ulteriore percorso tale da favorirci nel caso di un importante accessorio che ognuno di noi tiene in casa. Ed il tutto conduce ad un risparmio davvero non da poco.

Si tratta della lavatrice, che trova spazio nel Bonus Mobili con la possibilità di poterci portare a risparmiare la metà sul prezzo totale di acquisto. La stessa cosa vale per una lavasciuga. Il risparmio si presenta tramite una detrazione fiscale che ammonta al 50% di quello che avremo speso per l’acquisto di tali elettrodomestici.

Il rimborso avverrà in dieci rate annuali. Ma cosa bisogna fare per potere usufruire di questo ottimo vantaggio contemplato all’interno del Bonus Mobili? Bisogna rispettare certi parametri affinché ciò avvenga. Ad esempio tale sussidio si ottiene solo nel caso in cui ci sia un immobile di proprietà da ristrutturare.

Bonus Mobili, come accedere al rimborso per l’acquisto della lavatrice

Foto dal web

Per cui, per l’acquisto di mobilia ed elettrodomestici si può usufruire del sussidio, qualora si resti all’interno di una cifra da detrarre di massimo 16mila euro per singola abitazione. L’acquisto della lavatrice dovrà avvenire in seguito ai lavori di ristrutturazione, nel rimborso del bonus sono comprese pure le spese di trasporto e di installazione e la classe energetica deve essere A+ o successiva.

Potrebbe interessarti anche: Bonus idrico, ci sono mille euro di rimborso: come ottenerlo

Poi è obbligatorio pagare con carta di credito o con altri metodi tracciabili come il bonifico. Non si avrà accesso al bonus nel caso di spesa affrontata in contanti. Per quanto concerne i lavori di ristrutturazione sono inclusi:

  • restauro conservativo;
  • ricostruzione;
  • riparazione in seguito a calamità;
  • ristrutturazione;

Potrebbe interessarti anche: Bonus gas e luce, a chi spetta: vi toglie 245 euro da pagare

Potrebbe interessarti anche: Bonus bollette, come vedere se è presente quando paghiamo

Le abitazioni coinvolte possono essere sia unità familiari in condomini, quindi appartamenti o mansarde, che abitazioni singole come villette.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *