Anthurium: le caratteristiche di questa pianta tropicale d’appartamento

L’Anthurium è una pianta tropicale d’appartamento molto apprezzata per i suoi colori e per le sue caratteristiche. Vediamo quali sono e come curarla.

Anthurium
Anthurium (da Adobe Stock)

Una delle piante d’appartamento più belle è l’Anthurium. Si tratta di una pianta tropicale che appartiene alla famiglia delle Araceae ed è originaria del sud America. La fioritura va da giugno a settembre. È formata da brattee forma di cuore color rosso, salmone, bianco o rosa, lucida e coriacea, avvolta intorno a un piccolo cilindro, detto spadice, sottile da cui si formano i fiori bianchi o gialli.

Ci sono tanti tipi di Anthurium, ma quella più diffusa è il tipo andraeanum. Grazie alle sue foglie a cuore e al suo colore rosso acceso è molto ricercata come pianta d’appartamento. Anche se è una buona concorrente anche la varietà che presenta le foglie bianche.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Piante d’appartamento: per i collezionisti una vale centinaia di euro

Ma dopo aver visto le sue caratteristiche, vediamo qual è il modo migliore di coltivarla in base alle sue esigenze specifiche.

Anthurium: le necessità specifiche di questa pianta tropicale

Anthurium
Anthurium arancione (da Pexels)

Come tutte le piante anche questa ha bisogno di alcune attenzioni particolari, non troppo impegnative:

  • Temperatura e umidità: la temperatura ideale di questa pianta si aggira intorno ai 20°. D’estate non è un problema e nemmeno d’inverno visto che principalmente va tenuta in casa. Tuttavia, bisogna fare attenzione all’umidità. Essendo una pianta tropicale ne vuole tanta. Quindi, sarà opportuno spruzzare sulle foglie un po’ di vapore ogni tanto, oppure mettere nel vaso della sabbia, dei sassi con un po’ d’acqua.
  • Fioritura: questa bellissima pianta fiorisce verso la fine della primavera e poi si mantiene bella fiorente per tutta l’estate. Se tenuta bene può mantenere i suoi fiori anche per tutto l’anno.
  • Potatura: in genere se accade, soprattutto vicino al momento del riposo vegetativo, che le foglie appassiscono e si piegano, allora è opportuno tagliarle. Sapete bene che questa pratica darà nuova forza ed energia per la nuova fioritura.
  • Posizione: necessita di tanta luce, ma non i raggi diretti del sole che potrebbero danneggiarla. Vanno bene zone protette, oppure zone della casa in cui ci sono vetri e tendine.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Rimedi antighiaccio: attenzione, uno di questi è pericoloso per le piante

  • Terreno e acqua: il terreno ideale è leggero e poroso, va bene quello universale. Bisogna rinvasare ogni due anni. Nel sottovaso è utile inserire argilla espansa. L’innaffiatura andrà bene ogni 2-3 giorni.
  • Concimazione: da maggio ad ottobre bisogna fertilizzare il terreno della pianta ogni due settimane. Le sostanze fondamentali di cui ha bisogno sono rame, zinco, manganese e ferro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.