Acqua di cottura del riso, mai buttarla: è utile in casa e in giardino

L’acqua di cottura del riso non bisogna mai buttarla perchè è utilissima sia in casa che in giardino. Come? Scopriamolo insieme.

riso
Riso (da Pixabay)

In cucina ci sono tantissimi elementi di scarto, ma spesso ci si confonde e si butta via ciò che in realtà è ancora molto utile. Molti degli avanzi, molti degli scarti che noi non mangiamo, non usiamo più, possono essere invece necessari per altre cose come le pulizie di casa, oppure per aiutare il nostro giardino.

Questa cosa si può fare anche con l’acqua di cottura del riso. Quando cucinate il riso, non buttate l’acqua nel lavello ma conservatela perchè non è affatto una sostanza di scarto, ma è, al contrario, una risorsa importantissima. Pensate che se conservata in frigorifero può formare antiossidanti.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Crispelle di riso: bontà della cucina siciliana a cui non si può rinunciare

Inoltre, contiene grandi quantità di vitamine del gruppo B e di sali minerali (ferro, potassio, zinco, magnesio e acido folico. Volete proprio buttare un’acqua ricca di tutte queste sostanze nutritive? Vediamo come può esservi utile sia in casa che in giardino.

Acqua di cottura del riso: utile sia in casa che in giardino

friggitrice-ad-aria-pasta-riso
(da pixabay)

Con quest’acqua si possono fare cose importanti: la prima è lavare i piatti. Sì, se le vostre stoviglie e i vostri piatti che avete accumulato nel lavello non sono molto sporchi, allora potete usare proprio l’acqua di cottura del riso sulla spugnetta (con un po’ di olio di gomito) per pulire. Sarà molto efficace senza l’uso di detergenti chimici che possono danneggiare la pelle e l’ambiente.

La seconda cosa che potete fare è usarla per togliere l’odore del pesce. In Corea c’è l’usanza, ad esempio, di preparare dei pesci dall’odore e dal gusto particolarmente forti con l’acqua del riso in modo da attenuarlo. È il caso dello sgombro. Immergerlo per circa 30 minuti lo renderà più morbido, meno salato e ne eliminerà l’odore.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Melagrana: la buccia può servire in cucina e in giardino, non si butta

La terza cosa che potete fare è usare quell’acqua come fertilizzante naturale per le piante. Naturalmente, non deve essere stata salata perchè in quel caso sarebbe un’arma omicida. Ma se non l’avete salata, sarà una fonte ricchissima di sostanze nutritive per le piante e potete usarla innaffiandole normalmente. Conoscevate tutti questi modi per riutilizzare una cosa che avete sempre tra le mani in cucina e che avete magari sempre buttato?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.