Sintomi di infarto nelle donne: a cosa bisogna stare attente

I sintomi di infarto nelle donne possono essere diversi da quelli avvertiti dall’uomo, vediamo quali sono e a che cosa fare particolarmente attenzione.

donna
Donna (Foto di Ivan Samkov da Pexels)

Siamo abituati a vedere uomini ai quali viene un infarto nei film. L’uomo in questione, magari ha già dei problemi di salute, è in sovrappeso, fuma tanto, mangia troppo, beve molto, all’improvviso si tocca il petto e sviene. Ma i sintomi dell’infarto non sono sempre gli stessi e soprattutto: anche alle donne vengono spesso infarti.

Pensate che fino a pochi anni fa l’infarto colpiva una donna su cinque e non sempre anziane. Adesso sembra che il numero di malattie cardiache nelle donne stia aumentando. Lo dicono studi specifici americani che si sono occupati dell’argomento.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Infarto: sarà possibile saperlo anche 20 anni prima di averlo

Una ricerca condotta da Judith Lichtman ha evidenziato che nelle giovani donne ci sono più sintomi e di varia natura rispetto agli uomini della stessa età. Spesso sia la donna in questione che il suo medico non capiscono immediatamente che si tratta di un infarto, ma vediamo i dettagli.

Sintomi di infarto nelle donne: a cosa prestare attenzione

dottore ospedale infarto attacco cuore
(Foto Pixabay)

L’infarto è la morte di una parte del cuore causata da un mancato afflusso di sangue che può essere stato causato a sua volta da una trombosi. Significa che l’accumulo di colesterolo nelle vene ha interrotto la circolazione del sangue. Quando questo avviene nelle donne potrebbero esserci dei sintomi vari e non sempre ben riconoscibili.

Ad esempio, ci sono una serie di sintomi “silenziosi” come:

  • Pressione al centro del torace che va e viene per alcuni minuti; 
  • Dolore di stomaco, fastidio alla mandibola e alle braccia; 
  • Mancanza di respiro; 
  • Nausea e vertigini.

Questi sintomi non danno l’idea di essere quelli di un infarto perchè potrebbero essere causati da un’influenza, dal ciclo mestruale o altro, anche da un’indigestione. Quindi, una donna che avverte tutto ciò può sottovalutarli e non rivolgersi a nessuno.

Invece, secondo gli studiosi non bisogna mai sdrammatizzare e mai sottovalutare, soprattutto se insorge un dolore al petto, anche se sopportabile. Bisogna chiamare immediatamente i soccorsi.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Rischio di infarto e ictus: a provocarlo il cibo preferito degli italiani

Può accadere che questi sintomi si protraggano per un po’, ragione di più per chiamare il 118 o comunque il proprio medico curante e riferire ogni cosa. Meglio uno scrupolo in più che uno in meno quando si tratta della propria salute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.