Migliaccio napoletano: dolce tipico napoletano semplice e delicato

Il migliaccio è un tipico dolce appartenente alla tradizione campana e dalle origini molto antiche. Vediamo quali gli ingredienti e la preparazione.

migliaccio
(Foto Screen YouTube)

Un tempo, il migliaccio era usanza prepararlo per il periodo carnevalesco ed era conosciuto nel territorio partenopeo.

Oggi, questo dolce di ricotta, è diffuso in tutta Italia e per di più lo troviamo anche in periodi differenti a quelli a cui siamo abituati.

Si tratta di una torta morbida dalla consistenza di un budino ma molto molto più buona. Non vi resta che provare a farla seguendo la nostra ricetta di migliaccio.

Migliaccio napoletano

Il migliaccio, è un dolce davvero gustoso che piace a grandi e piccini. E nonostante ricordi la pastiera come odore, si tratta di un prodotto differente.

migliaccio
(Foto Screen YouTube)

Il migliaccio viene preparato soprattutto per il martedì grasso e per la Pasqua ma è considerato il dolce di fine inverno che in tanti si apprestano a preparare prima e durante il Carnevale.

Tradizionalmente, il migliaccio veniva preparato con il miglio, la sua parola infatti, deriva dal latino miliaccium che indica un tradizionale pane di miglio, sostituito poi con il semolino.

Tuttavia, altre variazioni riguardano la presenza della ricotta, talvolta semplicemente sostituita da acqua e latte.

Quella che oggi vi proponiamo noi, è la ricetta del migliaccio con la ricotta a cui siete liberi di aggiungere se vi piace, del cioccolato fondente.

Ingredienti per il migliaccio

La tradizione vuole che il migliaccio venga alto e cotto in un tegame di rame. Essendo più difficile reperirlo, si utilizza un tegame di alluminio. Nel nostro caso utilizzeremo uno stampo da 22 cm.

Gli ingredienti per un migliaccio di 22 cm, sono:

  • 250 g di ricotta fresca (meglio se di pecora)
  • 80 g di semolino (semola di grano duro)
  • 500 g di latte
  • 300 g di acqua
  • 250 g di zucchero semolato
  • 3 uova intere
  • 50 g di burro
  • 2 arance
  • 2 limone
  • un paio di cucchiai di vaniglia oppure 2 bustine di vanillina
  • 1 cucchiaino di acqua millefiori o fiori d’arancio (facoltativo)
  • zucchero a velo per guarnire

Potrebbe interessarti anche: Pastiera napoletana con crema: la bontà della tradizione-Video

Procedimento

Per la preparazione del migliaccio occorre: una pentola capiente dove versate il latte, l’acqua, lo zucchero, il burro, la vaniglia e le bucce intere di 1 arancia e 1 limone (che regalano alla crema un delizioso profumo agrumato).

Mettete la pentola sul fuoco medio e cuocete fino a quando il burro e zucchero non si sono completamente sciolti, girate con un cucchiaio di legno per non fare attaccare.

Quando il tutto si è sciolto, aggiungete il semolino, tenendo bassa la fiamma e continuate a girare con una frusta a mano.

In pochissimo tempo vedrete il composto raggiungere una densità di una crema compatta. A questo punto eliminate le bucce degli agrumi e versate la crema in una ciotola per farla raffreddare. Coprite con una pellicola a contatto con la crema di semolino e lasciate raffreddare.

Nel frattempo che la crema raffredda, montate (con le fruste elettriche, fino a quando non avrete ottenuto un composto spumoso e voluminoso) le uova con lo zucchero, la vanillina e le bucce grattugiate di arancia e limone.

A questo punto, aggiungete la ricotta (setacciata con un passino a fori stretti) e amalgamate il tutto.

Non vi resta che versare la crema di semolino ormai fredda, nel composto di uova e con le fruste unite il tutto, fino a quando non saranno spariti tutti i grumi.

Qualcuno aggiunge aromi come mille fiori o fiori d’arancio altri non li preferiscono, a voi la scelta.

Terminata la preparazione occorre versare in una teglia imburrata e infarinata, per poi Infornare nella parte media del forno per circa 50 minuti.

Trascorso il tempo di cottura, sfornate il migliaccio e lasciate raffreddare in teglia per 1 h circa.

Quando si sarà raffreddato, spolverate di zucchero a velo! Finalmente il vostro Migliaccio napoletano è pronto per essere mangiato e gradito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

sdsd