Aumento delle bollette, come farà l’Italia ad abbassare il costo del gas

Quali sono le possibilità che il Governo sta o può prendere in considerazione per contrastare l’aumento delle bollette relativo al gas, la situazione.

Aumento delle bollette gas Italia
(Freepik)

Aumento delle bollette, il Governo ha preparato una maxi manovra da 7 miliardi circa per tamponare le spese che graveranno sulle tasche degli italiani nel corso di tutto il 2022. E probabilmente anche per parte del 2023. Tale misura dovrebbe subire delle ulteriori modifiche, per potere fare si che tale paracadute finanziario possa arrivare a 10 miliardi, con ulteriori modifiche.

C’è anche un altro piano che l’Esecutivo intende mettere in atto allo scopo di fare fronte alla emergenza energetica ed all’aumento delle bollette. E riguarda più nello specifico la situazione legata al gas. Si punta a raddoppiare in questo caso la misura di estrazione di tale elemento sul suolo nazionale.

La quantità di gas italiano ammonta, ad oggi, a 3,35 miliardi di metri cubi. Con un aumento a 7 mld cubici, la crisi energetica e l’aumento delle bollette che ha colpito il nostro Paese più di qualsiasi altro nell’Unione Europea verrebbero in qualche modo contenute.

Aumento delle bollette, i piani alternativi dell’Italia

gasdotto
(Freepik)

La cosa pare debba coinvolgere degli investimenti per due miliardi di euro oltre a dare il luogo a procedere a delle apposite gare di appalto. La brutta notizia è che potrebbero volerci almeno dieci mesi, visto che sono necessari dei lavori strutturali.

La quantità di gas che serve all’Italia per stare al caldo in inverno ammonta a 76,1 mld cubici. Di questi circa un terzo (28,4 mld cubici, n.d.r.) arrivano dalla Russia. Ma la attuale situazione politica non è affatto semplice e servono via alternative. Come ad esempio il raddoppiare la capacità di gas esportato dall’Azerbaigian, che da 10 miliardi cubici potrebbero arrivare a 20 miliardi cubici.

Un aumento della capacità potrebbe conoscerlo anche il Transmed, ovvero il gasdotto che parte dalla Algeria e che ad oggi è sottoutilizzato (21,1 mld cubici sui circa 30 mld cubici di capacità massima). E poi ci sono il gasdotto dalla Libia e le riserve italiane, pari a quasi il 44% del loro totale, che è di quasi 20 mld cubici. Riserve che basterebbero per appena un mese.

Potrebbe interessarti anche: Aumento dei prezzi, anche il latte è un lusso: “Rincari pesanti”

Quali conseguenze dagli scenari attuali

Impianto del gas
(Freepik)

L’Italia però risulta avere più gas immagazzinato rispetto a Francia, Germania ed Olanda, per dire. Altre fonti importanti sono i rigassificatori attivi a La Spezia, Livorno e Rovigo. Ora, la situazione di conflitto tra Russia ed Ucraina potrebbe portare Mosca ad interrompere le forniture.

Potrebbe interessarti anche: Aumenti delle bollette, stangata anche per l’acqua: come risparmiare

Il premier Draghi ed il ministro degli Esteri, Di Maio, sono al lavoro per tenere a bada Putin. In caso di chiusura del gasdotto russo potrebbero partire delle conseguenze a catena, come la rottura delle relazioni diplomatiche e l’isolamento internazionale della Russia, che la UE e gli Stati Uniti potrebbero usare come deterrente, al pari degli altri Paesi occidentali.

Potrebbe interessarti anche: Aumento bollette, pessime notizie dall’Europa: “Lungo Effetto a catena”

Tutto questo potrebbe fare avvicinare la Russia alla Cina. Le due maxi potenze asiatiche, pur condividendo alcune ideologie storico-politiche, sono sempre stare reciprocamente “cordialmente antipatiche”. Le cose però potrebbero cambiare. Ma è chiaro che questi sono scenari che la comunità internazionale intende evitare.

Impostazioni privacy