Codice della Strada, la colpa è sempre del conducente in questo caso

Il guidatore, per la legge, deve sempre rispondere di quanto di grave avviene come conseguenza di una specifica infrazione del Codice della Strada.

sicurezza stradale
Donna in auto (Freepik)

Codice della Strada, un insieme di regole che, come sappiamo, vanno rispettate per evitare eventuali rischi a danno nostro e di terzi. Purtroppo questa è una cosa che non sempre viene messa in atto e che porta alcuni automobilisti e non solo (anche motociclisti, ciclisti e pedoni a volte assumono degli atteggiamenti deplorevoli, n.d.r.) a violare anche le regole più basilari.

Come conseguenza di ciò possono esserci degli effetti anche gravi. E tra le violazioni più frequenti figura l’omesso uso della cintura di sicurezza. Un qualcosa che, se regolarmente fatto, contribuirebbe a salvare centinaia e centinaia di vite, se non di più.

Sono tanti gli incidenti stradali che avvengono in Italia e nel mondo. E l’esito di molti di essi potrebbe risultare meno grave rispettando il Codice della Strada ed il corretto utilizzo delle cinture. Tra l’altro non c’è mica bisogno di incappare in degli incidenti per capirne l’importanza. Parlano in maniera chiara le sanzioni previste.

Codice della Strada, la responsabilità è tutta del conducente

Conducente d'auto
Persona al volante (Freepik)

Per il mancato utilizzo delle cinture di sicurezza sono previste delle multe che oscillano dagli 83 ai 333 euro. E la cosa vale anche per chi occupa le posizioni dei passeggeri sul retro dei veicoli. Le cinture non vanno indossate solo da chi sta davanti.

Potrebbe interessarti anche: Codice stradale, la multa sorprendente che spetta al pedone: attenti

Inoltre il Codice della Strada prevede anche un taglio di 5 punti sulla patente per il conducente. Che diventano dieci nel caso di conseguimento recente del documento di guida. Del resto chi si mette al volante è ritenuto responsabile di eventuali incidenti e danni arrecati agli altri passeggeri.

Potrebbe interessarti anche: Bollo auto, chi beneficia dell’esenzione e quali sono i vantaggi

Dovrebbe quindi essere lui a fare utilizzare le cinture a chi viaggia assieme. Il rischio è di incappare nei reati di lesioni colpose o peggio, di omicidio stradale, qualora dovesse capitare qualcosa ai passeggeri. E se questi non vogliono indossare la cintura, un guidatore farebbe bene a non farli salire in auto.

Potrebbe interessarti anche: Rinnovo della patente, revisione ed altro: se non ti adegui c’è una multa

Ci sono anche diverse sentenze alle quali potere fare riferimento. E sono diversi i fattori in gioco, come ad esempio il rispetto dei limiti di velocità e del senso di marcia. O l’essersi messo al volante nelle necessarie condizioni psichiche e fisiche di idoneità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *