Cancro al colon: malattia letale ma che nel 90% dei casi si può evitare

Il cancro al colon è uno dei tumori più letali, ma forse molti non sanno che è anche la malattia che si può evitare nella maggior parte dei casi.

prevenzione cancro
Mitosi cellulare (Pixabay)

Il cancro rimane una delle principali cause di morte nel mondo. In particolare, il cancro al colon è il secondo in termini di frequenza e di letalità. È anche quel tipo di malattia che compare e non si sente e fa, quindi, parte del gruppo dei “killer silenziosi” che tanto si teme.

Marzo è proprio il mese dedicato all’informazione di questa malattia. Purtroppo, i dati che emergono non sono incoraggiati. Ci sono quasi 20.000 decessi all’anno e i numeri di diagnosi e di morti sono aumentati in questi anni per due motivi principali: i ritardi nella diagnosi dovuti alla pandemia e lo stile di vita dei giovani, che continua ad essere completamente sbagliato.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> La febbre ricorrente può essere sintomo di cancro: i dettagli

Il ritardo nella diagnosi è una delle principali cause di morte per cancro al colon. Gli studiosi, infatti, dicono che, se individuato in tempo, nella maggior parte dei casi si può evitare. Ma vediamo qui di seguito maggiori dettagli.

Cancro al colon: nella maggior parte dei casi si può evitare

cancro
Cancro (da Pixabay)

I fattori di rischio di questo tipo di tumore sono l’obesità, la sedentarietà, una non giusta alimentazione. Anche l’assunzione in eccesso di carne rossa, di alcol e il fumare sono abitudini che provocano un rischio molto alto di andare incontro a questa malattia.

Il cancro al colon è molto subdolo perchè non presenta particolari sintomi e la persona che ne è affetta non si accorge minimamente della sua presenza nelle fasi iniziali. Quando il cancro inizia a muoversi, inizia a farsi sentire, significa che ormai è troppo tardi. Tuttavia, si può poi individuare dal sangue nelle feci, dalla perdita di peso, dalla febbre, dal senso di stanchezza. Gli esperti assicurano, però, che nella maggior parte dei casi la malattia si può evitare.

Il dott. Buscarini, direttore della sezione specifica nell’Ospedale Maggiore di Crema, spiega che il 90% dei carcinomi al colon si formano da adenomi che impiegano spesso anni a diventare maligni. Dunque, se le persone si sottopongono regolarmente al test del sangue nelle feci e alla colonscopia, questi polipi si possono individuare facilmente e togliere prima che diventino un problema.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Cancro ai polmoni: i sintomi a cui prestare attenzione

La prevenzione, i controlli di routine, sono molto importanti. In questo caso, sono fondamentali quando si superano i 50 anni. Dopo questa età il rischio aumenta notevolmente. Un semplice controllo può salvare la vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *