Benzina e diesel, l’alternativa vietata per risparmiare: fai così invece

Per fare fronte ai prezzi altissimi raggiunti da benzina e diesel, c’è chi sta facendo in questo modo. Ma si tratta di una pratica vietata.

Pieno di carburante in corso
Pieno di carburante in corso (Pixabay)

Benzina e diesel, i loro prezzi sono saliti alle stelle ed oltre. E questo si traduce con un salasso per tutti noi che abbiamo esigenza di doverci spostare con auto e moto. Ogni giorno rischiamo di dovere procedere con pagamenti mostruosi alle stazioni di rifornimento, per poter mettere nel serbatoio un quantitativo minimo di carburante.

Se prima con dieci euro saremmo riusciti a tamponare ad una situazione di emergenza per non restare in riserva, adesso la situazione è ben diversa. Con i prezzi di benzina e diesel che ammontano a 2,4 euro di media, e che veleggiano forte verso gli oltre 2,5 euro, adesso dieci euro risulterebbero sufficienti a far salire il serbatoio di appena mezza tacca.

Ma è in una situazione di emergenza simile che emerge tutto l’ingegno. Ed infatti stanno spuntando delle soluzioni alternative per fare si che i costi di benzina e diesel non ci travolgano con i loro prezzi da paura. C’è infatti chi sta pensando di sostituire le due principali forme di carburante con altro.

Potrebbe interessarti anche: Prezzo della benzina, perché a Livigno costa 1,3 euro al litro

Benzina e diesel, l’alternativa da non applicare e quella che invece è davvero utile

Olio vegetale
Olio vegetale (Pixabay)

Si tratta dell’olio da cucina esausto. Gli avanzi di olio di quanto preparato per pranzo o per cena possono realisticamente essere adottati come fonte di combustibile di riciclo per i motori dei nostri veicoli. Il tutto però in alcune specifiche situazioni.

Potrebbe interessarti anche: Prezzi benzina, le applicazioni che ci fanno risparmiare sul pieno

Lo confermano alcune associazioni dei consumatori tedesche, visto che il caro carburanti ha colpito pure la Germania e l’Europa intera. Il problema però è che si tratta di una alternativa che, per quanto potrebbe sembrare anche ecologica oltre che economica, comporta in realtà delle conseguenze anche gravi.

Potrebbe interessarti anche: Sciopero dei pescherecci, sale il costo del pesce nei supermercati: disastro

Infatti c’è da dire che si tratta di una pratica ritenuta non regolamentare ed anzi, in tutto e per tutto fuori legge. Inoltre specialmente i motori dei veicoli più moderni potrebbero subire dei danni, fino a compromettere l’accensione del motore. Per cui non procedete e scegliete semmai questi metodi alternativi per fare del bene ai vostri mezzi ed al vostro portafogli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.