Colomba di Pasqua: come scegliere la migliore al supermercato

Come scegliere la migliore colomba di Pasqua al supermercato? Ecco i trucchi e che cosa guardare principalmente per la scelta giusta.

colomba di pasqua
Colomba di Pasqua (Pixabay)

La colomba è il dolce tipico della Pasqua, così come pandoro e panettone lo sono per il Natale. La loro composizione è simile, i supermercati si riempiono nelle settimane prima della festa, così come le nostre case. È normale pensare di acquistare la colomba per la propria famiglia o per i propri parenti ed amici.

L’offerta è ormai ampia e nei supermercati sono presenti colombe pasquali di tutti i tipi. Non ci sono solamente quelle tradizionali, che non possono di certo mancare, ma possiamo trovare anche quelle farcite con creme, cioccolato, frutta. Le alternative sono tante e tutte ugualmente gustose e invitanti. Ma come fare per scegliere la colomba migliore? È una domanda molto comune alla quale cercheremo di dare una risposta.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Migliori colombe pasquali 2022: le marche più buone ed economiche

In questo sono intervenuti degli esperti nutrizionisti che hanno dato la loro opinione, in base alle loro conoscenze, su quale sia il miglio dolce pasquale da prendere in considerazione per la propria salute.

Colomba di Pasqua: come scegliere la migliore

Colomba di Pasqua
Colomba con canditi (Pinterest, GialloZafferano)

Pensate che la colomba, come dolce di pace, ha origini molto lontane, precisamente nel VI secolo. Re Alboino, durante l’assedio di Pavia, ricevette questo dolce a forma di colomba in segno di pace. Poi, nel tempo, è diventato simbolo della Pasqua cristiana ed ha cambiato un po’ il suo aspetto con l’aggiunta di canditi e di glassa.

Nonostante ci siano molte varietà diverse, abbellite, impreziosite, con creme e cioccolato, per gli esperti sembra che la soluzione migliore, la scelta giusta da fare sia sempre quella tradizionale. Il motivo è semplice. L’aggiunta di creme, glasse, cioccolato rendono questo dolce più grasso. Ma detto questo, è necessario fare attenzione anche ai prodotti tradizionali. Bisogna leggere bene gli ingredienti e la data di scadenza. Se quest’ultima è lontana nel tempo, significa che sono stati aggiunti conservanti e coloranti e questo non fa bene alla salute.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Il dolce pasquale senza zucchero e lievito: la pinsa veneta

Infine, se si ha la possibilità di vedere con i propri occhi il prodotto, ci sono una serie di elementi da considerare e valutare. La forma e il colore sono determinanti per capire se il dolce è stato fatto bene oppure no. Deve essere alto, quindi ben lievitato, poi non deve avere un colore troppo scuro. Più chiaro è meglio è per la salute. La glassa, naturalmente, deve essere uniforme. Attenzione alle bruciature che possono essere spia di composti cancerogeni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *