Nuova tessera sanitaria, i cambiamenti e quando la riceveremo

Quali sono le novità introdotte dalla nuova tessera sanitaria e quando inizieremo a riceverla a casa su iniziativa del MeF e dell’Agenzia delle Entrate.

Un uomo esibisce la propria tessera sanitaria
Un uomo esibisce la propria tessera sanitaria (Foto ANSA)

Nuova tessera sanitaria, c’è il via libera decretato da parte del Ministero dell’Economia e delle Finanze. E le novità riguardano anzitutto una rinnovata grafica, con un layout più moderno e che dà una sensazione di maggiore unità a carattere nazionale. Infatti all’interno della nuova tessera sanitaria non comparirà più il logo della propria Regione di origine.

Ma questa è solo una delle caratteristiche che potremo trovare nella nuova tessera sanitaria. Che comunque risulta già in corso, con l’entrata in vigore indicata nel mese di marzo. Tutti i documenti identificativi personali, sia nuovi che prodotti in seguito ad un rinnovo per la sopraggiunta scadenza.

Nella nuova tessera sanitaria verrà inglobato anche il codice fiscale, come del resto già accadeva da un pò. Poi trovano spazio i tradizionali riferimenti alla persona, utili anche ai fini del riconoscimento in alcuni casi. E quindi nome, cognome, data di nascita, genere, data di scadenza e luogo di nascita con relativa provincia.

Potrebbe interessarti anche: Scadenza bancomat, come pagare anche senza la carta

Nuova tessera sanitaria, come e quando la riceveremo

Tessera sanitaria in farmacia
Tessera sanitaria in farmacia (Foto ANSA)

Dall’altra parte della nuova tessera ecco invece la classica banda magnetica, assieme ad un codice a barre, lo Stato di appartenenza che rilascia il documento ed altri identificativi di carattere tecnico. Anche in questo caso la tessera sanitaria verrà spedita a casa tramite posta.

In questo caso sarà compito dell’Agenzia delle Entrate identificare il corretto indirizzo di residenza o di domicilio, in base a quanto riportato all’interno della Anagrafe tributaria. Per cui, in caso di cambio di residenza o di domicilio, la cosa andrà debitamente comunicata all’ufficio preposto.

Potrebbe interessarti anche: Analisi del sangue, in questi casi la ASL dice si all’assegno mensile

Come di consueto, la carta sanitaria continuerà a fungere anche da codice fiscale, con l’introduzione della stessa che andò a sostituire quest’ultimo a partire dal 1° gennaio 2004. La validità della tessera continuerà ad essere di sei anni e l’ottenimento ed il rinnovo saranno come sempre del tutto gratuiti.

Potrebbe interessarti anche: Bonus Casalinghe, da 468 a 1293 euro al mese se hai dai 16 anni in su

La principale funzione della tessera è quella di assicurazione contro le malattie e di potere accedere ai servizi sanitari degli Stati membri dell’Unione Europea oltre che a quelli di Islanda, Svizzera, Norvegia e Liechtenstein

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *