Menopausa e poca energia: come migliorarla e perché accade

Con l’arrivo della menopausa si è alle prese con diversi problemi, tra i quali la poca energia. Ecco cosa sapere sul perché succede e come riaverla.

menopausa e stanchezza
Poca energia (Unsplash)

Le statistiche mostrano che l’85,3% delle donne in post-menopausa e il 46,5% delle donne in peri menopausa sperimentano sintomi di esaurimento sia fisico che mentale. Stanchezza e menopausa, difatti, spesso vanno di pari passo. Quando le donne entrano in peri menopausa, essere sempre stanche sembra una parte naturale della transizione. Ma che cos’è la fatica? Per capirlo, si deve innanzitutto capire come il corpo crea energia.

Le cellule contengono milioni di piccole centrali elettriche chiamate mitocondri. I mitocondri producono ATP (o adenosina trifosfato), una molecola che dona energia. Se si paragonano i mitocondri all’economia, l’ATP può essere considerato come il dollaro. Nell’economia finanziaria, si lavora per guadagnare banconote.

Nel corpo, i mitocondri lavorano per creare l’ATP che dà energia durante il giorno. I mitocondri producono questa preziosa risorsa e il corpo “spende” molecole di ATP per battere un ciglio, camminare attraverso la stanza, pensare o digerire il cibo. Se si è affaticati, significa che i mitocondri non stanno funzionando alla perfezione e si è a corto di ATP.

Ti potrebbe interessare anche >>> Pelle bella in menopausa: trattamenti e consigli per la cura del viso

Come funzionano i mitocondri in menopausa e perché si ha poca energia

In questa sezione scoprirete tutto quello che c’è da sapere riguardo ai mitocondri e come sono collegati ai principali ormoni femminili e come questi influenzino la donna quando entra in pre e in menopausa.

menopausa nella donna
Donna in menopausa (Unsplash)

Gli estrogeni non servono solo per la riproduzione. Si hanno più recettori per questi ormoni nel proprio sistema nervoso centrale e nel cervello che in qualsiasi altro posto. Essi sono vitali per i livelli dei neurotrasmettitori sani, i quali sono un fattore chiave nel modo in cui ci si sente. La maggior parte delle donne diventa carente di estrogeni, progesterone e spesso testosterone durante la menopausa. Inoltre, molte donne soffrono di squilibri non diagnosticati dell’ormone dello stress, il cortisolo. Tutti questi ormoni contribuiscono alla fatica durante la menopausa.

Durante la peri menopausa, il progesterone diminuisce mentre gli estrogeni tendono ad aumentare durante il giorno. Le ovaie spesso producono una quantità elevata di estrogeni nelle prime fasi della peri menopausa a causa della scarsa riserva ovarica. Le nostre “uova” invecchiano e le ovaie non funzionano così bene. Più si va avanti nella peri menopausa, più bassi sono i livelli di estrogeni fino a quando si entra in menopausa. Una volta in menopausa, la produzione è al minimo storico.

Alcuni studi suggeriscono che alti livelli di estrogeni incoraggiano il corpo a trattenere il grasso. Le donne con alti livelli di estrogeni durante gli anni riproduttivi hanno spesso una maggiore concentrazione di grasso e pesano di più. Questo stoccaggio di grasso assicura che le donne abbiano abbastanza grasso per sostenere un bambino durante la gravidanza e l’allattamento. Il grasso è immagazzinato nei fianchi e nelle cosce come grasso sottocutaneo (uno strato sottile sotto la pelle). Estrogeni in eccesso possono portare, inoltre, ad altre patologie.

Durante la menopausa, i livelli di estrogeni più bassi fanno sì che il grasso venga immagazzinato nella zona della pancia. Questo grasso viscerale può contribuire al diabete, alle malattie cardiache e alla resistenza all’insulina, tra gli altri problemi di salute. I mitocondri fanno affidamento sui grassi sani per funzionare correttamente. Uno studio del 2010 sul modo in cui i mitocondri elaborano il grasso suggerisce che il doppio dei mitocondri è necessario per elaborare il grasso viscerale rispetto al grasso sottocutaneo. Questo significa che i mitocondri lavorano il doppio per produrre energia. Non c’è da stupirsi che la maggior parte delle persone si senta giù quando i livelli di estrogeni calano.

Ti potrebbe interessare anche >>> La dieta per gli ormoni: ecco come tenerli a bada con la dieta ormonale 

I 4 motivi per cui i mitocondri stanno ricevono poca energia nella menopausa

Benessere femminile
Benessere femminile (Unsplash)

Durante la peri menopausa, i problemi energetici possono essere causati da una combinazione di squilibri ormonali ed energetici, tossicità e carenze nutrizionali. Quindi ecco alcuni consigli per affrontare tutti e quattro questi fattori per trattare la causa principale della fatica.

1. Squilibrio ormonale

L’energia si basa sugli ormoni. Gli ormoni sono i segnalatori e i regolatori metabolici che comunicano ai mitocondri come funzionare in modo efficiente. Se il corpo non produce abbastanza ATP, potrebbe essere a causa di un problema di segnalazione ormonale. Durante la menopausa, le fluttuazioni ormonali interferiscono con i segnali ai mitocondri.

L’equilibrio ormonale inizia con una dieta sana. Cercare di assumere una dieta a basso contenuto di zuccheri e cibi integrali per aiutare a sostenere l’equilibrio ormonale della salute.

2. Tossicità e infiammazione

Un altro motivo per cui i mitocondri potrebbero avere difficoltà a produrre abbastanza ATP è l’eccesso di tossicità. La tossicità interferisce con la produzione di ATP e causa infiammazioni in tutto il corpo, che esso deve spendere più energia per correggere, consumando risorse preziose.

Al giorno d’oggi, si è costantemente esposti alle tossine, dai pesticidi e coloranti nel cibo che si mangiano. Ci sono sostanze chimiche nocive negli articoli da toeletta e nei prodotti per la cura della casa, inquinanti nell’aria che respiriamo. Queste interferiscono con i normali processi e impediscono ai mitocondri di funzionare. Le uniche opzioni per contrastare questo fatto è  mangiare prodotti biologici e allevati localmente per aiutare ad eliminare qualsiasi tossina dalla vostra dieta.

Ti potrebbe interessare anche >>> Respirare in caso di stress: due esercizi di respirazione

3. Carenze nutrizionali

I nutrienti sono le risorse necessarie per far funzionare tutto il meccanismo del corpo. Esso richiede molti nutrienti per creare ATP. Senza di loro, il corpo non produce abbastanza ATP e il risultato è la fatica. Il corpo ha bisogno di molte risorse per fare bene il suo lavoro. Zuccheri sani, grassi, vitamine e minerali sono le risorse di cui i mitocondri hanno bisogno per produrre ATP. Sfortunatamente, attraversi il cibo non se ne assumono abbastanza per soddisfare i bisogni nutritivi. L’unica soluzione in questo caso è appoggiarsi a degli integratori.

4. Squilibrio energetico

I mitocondri sono le centrali e le risorse elettriche del corpo. Quindi, se le frequenze elettromagnetiche sono basse, significa che alcuni blocchi stanno impedendo al tuo corpo di creare ATP. Per affrontare gli squilibri energetici, compresa la tua salute mentale, emotiva e spirituale, è necessario affrontare problemi intangibili. Pratiche come la meditazione, il grounding e altre tecniche mente-corpo sono un ottimo punto di partenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *