Perché ai posti di blocco potrebbero controllare il serbatoio per il diesel

Specialmente per i veicoli mossi a diesel potrebbero intensificarsi i controlli ai posti di blocco da parte delle autorità. E si rischia grosso.

Un posto di blocco dei carabinieri
Un posto di blocco dei carabinieri (Foto ANSA)

Prezzi benzina, la media resta elevata anche dopo l’introduzione del taglio delle accise, che rimarrà in vigore per tutto il mese di aprile 2022. Ma particolari problemi potrebbero averli in particolare coloro che hanno un veicolo alimentato a gasolio.

Anche in questo caso le importazioni arrivano per larga parte dalla Russia, con oltre il 60% del diesel che spinge i veicoli in Italia che proviene proprio dai rubinetti di Mosca. Ed è anche per questo motivo che troviamo una risposta importante sul perché il diesel costa più della benzina.

Adesso potremmo andare incontro ad una spiacevole conseguenza, purtroppo. Con la cosa che dovrebbe riguardare anche il resto dell’Unione Europea, dopo che tutti gli Stati membri hanno fatto fronte comune in favore dell’Ucraina e contro la violazione della Russia alla democrazia ed alla sovranità di Kiev.

Perché il diesel costa più della benzina

Un posto di blocco dei carabinieri
Un posto di blocco dei carabinieri (Foto ANSA)

Quel che si rischia è di vedere razionato il gasolio, il quale attualmente starebbe scarseggiando rispetto ad una situazione di normalità. Nei quali i prezzi sia dello stesso che della benzina sarebbero più contenuti. Giunge proprio notizia di un contingentamento del gasolio da parte di una grossa compagnia petrolifera.

Per ora siamo soltanto nel campo delle ipotesi, ma ad oggi non sembrano esserci spiragli per un miglioramento di quella che è la attuale situazione internazionale. La quale resta sfavorevole e comporta ulteriori strascichi di negatività anche in ambito economico, oltre a quelli politico e sociale.

Potrebbe interessarti anche: Carenza di beni, rischio stop totale per via di un ingrediente fondamentale

Per quale motivo stanno avvenendo dei controlli ai serbatoi

Alcuni comunque hanno pensato bene di impiegare dell’olio da cucina per far muovere i propri veicoli a diesel. Una cosa che i motori così alimentati permettono di fare. Ma si tratta di un illecito in piena regola, una contravvenzione che può essere punita con delle sanzioni anche molto dure.

Potrebbe interessarti anche: Bonus benzina, 300 euro più altri 100 a figli: aiuti fortissimi alle famiglie

E questo perché l’impiego di carburanti “fai da te” fa si che vengano evase le accise e l’IVA, normalmente previste su benzina e diesel. Siamo quindi di fronte ad un vero e proprio comportamento illecito in piena regola, che le forze dell’ordine hanno già individuato tramite posti di blocco.

Potrebbe interessarti anche: Risparmiare sulla benzina, il trucco di alcuni per fare il pieno a zero euro

Ad alcuni sarà capitato di essere stati fermati al volante dalle autorità, salvo poi ripartire subito dopo anche senza un consueto controllo dei documenti. Questo avviene perché l’uso di olio al posto del diesel ha come caratteristica il forte tanfo prodotto dal motore. Il quale comunque, reiterando questa pratica illegale, entro un certo periodo finirà con il danneggiarsi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *