Truffa Esselunga, il finto buono che vi svuoterà tutto il conto

Sta circolando una truffa Esselunga che utilizza in maniera illegale il buon nome della nota catena di supermercati. E che ha già fatto delle vittime.

Un punto Esse di Esselunga
Un punto Esse di Esselunga (Foto ANSA)

Truffa Esselunga, state attenti a quello che è già accaduto ad alcune persone che sono cadute in questa trappola. Si tratta di una situazione nella quale ovviamente la nota catena di supermercati non c’entra nulla ed è anzi parte lesa. Infatti il vedere accostato il proprio nome ad un illecito conclamato non fa certo piacere.

La catena ha compiuto 65 anni e per quella occasione alcuni criminali stanno cercando di approfittarne con dei messaggi nei quali vengono promessi dei falsi buoni spesa per un importo di 500 euro. Per cui fate bene attenzione  a diffidare di comunicazioni del genere, si tratta di una truffa ad Esselunga ed a tutti noi.

Potrebbe interessarti anche: Truffe telefoniche, non rispondere a questi numeri o verrai derubato

Truffa Esselunga, attenti a questo messaggio

Un punto vendita di Esselunga
Un punto vendita di Esselunga (Foto ANSA)

Questa truffa Esselunga sta utilizzando in particolar modo i messaggi tramite posta elettronica per colpire gli ignari utenti. Che in alcuni casi hanno creduto a quello che hanno letto, fidandosi in maniera incauta. Il testo del messaggio truffaldino introduce la possibilità di ricevere un finto buono dal valore di svariate centinaia di euro, ma con l’obbligo di compilare prima un questionario.

Potrebbe interessarti anche: Pagamenti POS, attenzione a questa truffa: non ce ne accorgiamo

Ed è qui che scatta la truffa: si tratta di un tentativo di phishing da parte dei latri, ovvero di farsi consegnare i nostri dati sensibili e persino le coordinate bancarie. Infatti la scusa utilizzata è quella di coprire le spese di spedizione per inviarci a casa il buono inesistente. Facendo c’è invece perderemmo tutti i risparmi presenti sul nostro conto.

Potrebbe interessarti anche: Truffa della fattura elettronica, l’avvertimento dell’Agenzia delle Entrate

Quando arrivano messaggi del genere, sia tramite e-mail che sms, bisogna sempre cancellarli, senza mai aprirli. E qualora dovessimo aprirli e sono presenti dei link in allegato con tanto di inviti a cliccarci su, non si dovrà invece mai farlo. Mai e poi mai. E badate bene che è possibile incappare nella stessa minaccia anche sui social network, Facebook ed Instagram su tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *