Cinetosi: nuove scoperte sul mal d’auto, come stare meglio

Sono state fatte nuove scoperte sul mal d’auto, cinetosi, vediamo quindi che cosa potrebbe causarlo e come stare meglio.

mal d'auto
Mal d’auto (Adobe Stock)

Moltissime persone soffrono di mal d’auto, oppure cinetosi, che consiste nello stare male quando ci si sposta in auto e con alcuni mezzi di trasporto. Si tratta di un disturbo che ha lasciato gli scienziati senza risposte. Infatti, ancora oggi non si riesce a capire come mai alcune persone ne soffrono e altre non sanno nemmeno che cosa sia.

Non solo, ma anche soffrirne non è uguale per tutti. C’è anche da considerare che stare male quando ci si sposta in auto potrebbe poi non verificarsi quando si cambia mezzo di trasporto e ci si sposta, ad esempio, in treno. Gli esperti, studiando le persone con questo disturbo molto fastidioso, sono giunti ad un po’ di conclusioni ma ancora non hanno il quadro completo della situazione.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Ansia notturna, come riconoscere e combattere questo malessere

Vediamo qui di seguito in che direzione stanno andando i ricercatori per capire fino in fondo questo disturbo e poi vediamo qualche suggerimento per poter stare un po’ meglio, utile nel caso ne soffriate.

Mal d’auto, o cinetosi: quello che si sa e come stare meglio

Un'auto procede in un centro abitato
Un’auto procede in un centro abitato (Pixabay)

Ci sono degli aspetti un po’ strani che riguardano questo malessere. Una persona può stare male seduta dietro, mentre davanti può sentirsi meglio. Oppure può provare una sensazione di nausea che peggiora se ci si mette a leggere. In base alla persona ci sono, ad ogni modo, sintomi diversi. Questi possono essere nausea, dolore addominale, confusione, vomito.

Gli esperti hanno individuato due possibili cause del perchè questo si verifica. La prima è un problema nel sistema di equilibrio che prevede input diversi che arrivano agli occhi e poi all’orecchio provocando le vertigini e la nausea. La seconda è una postura sbagliata che non permette di dare le giuste informazioni del movimento al cervello. In entrambi i casi è evidente che ci sia un errore di percezione e di messaggi nell’organismo. Mentre gli studi stanno andando avanti e ci sono comunque dei trattamenti per alleviare i fastidi, ci sono dei modi per migliorare la situazione.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Urine come indicatore di malessere, basta controllarne il colore

Questi consistono in mangiare qualcosa di secco, come dei crecker, prima di mettersi in viaggio, mantenersi idratati, guardare sempre fuori dal finestrino e tenere arieggiato l’abitacolo, nel caso dell’auto. Inoltre, è bene evitare gli odori forti e fare qualche sosta per riprendere fiato e poter continuare in modo più tranquillo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *