Parlare da soli fa bene all’autostima e non solo: tutti i benefici

Sembra di essere pazzi, eppure parlare da soli, magari a voce alta, aiuta nell’autostima e non solo, visti i tanti benefici che comporta.

parlare soli voce alta benefici
Giovane che gesticola al PC (Unsplash)

Sembra di essere pazzi, eppure parlare da soli, magari a voce alta, aiuta nell’autostima e non solo, visti i tanti benefici che comporta. Certo, fa un certo effetto osservare una persona che parla da sola, gesticola, senza interlocutore. Sebbene, in mezzo alla gente, potrebbe sembrare un comportamento del tutto folle, quando si è da soli potrebbe, invece, essere di grande sollievo psicologico.

Eh sì, perché parlare da soli serve e rendere concreti i propri pensieri quotidiani e mettere in funzione l’attività cognitiva. L’attività cognitiva resta sempre in funzione, anche quando si dorme, ma parlare da soli, magari alzando la voce, aiuta a verbalizzarla. Secondo gli psicologi, esisterebbero dei benefici concreti in questa pratica. E allora, quali sono i benefici del parlare da soli?

Potrebbe interessarti anche → Parlare da soli è segno di grande intelligenza: il motivo

I benefici del parlare da soli

parlare soli sintomi
Ragazza sola con se stessa che guarda la finestra (Unsplash)

Per prima cosa, parlare da soli a voce alta aumenterebbe la propria autostima. Questo perché molte persone sono condizionate dal giudizio degli altri, e agiscono proprio in base a coloro che li circondano. Hanno bisogno di approvazione esterna. Parlare da soli invece non è un confronto con altri, ma solo con se stessi. Non ci sono approvazioni esterne, ma soltanto la propria. Significa spronare a fare sempre di più e meglio.

Si tratta di una tecnica motivazionale, ma anche di sfogo. Parlare ad alta voce allo specchio, o al muro, fa sfogare, allentando le tensioni e le preoccupazioni. Inoltre è anche un modo per confrontarsi con se stessi, cosa che fanno in pochi, mettendosi soprattutto in competizione con altre persone. Da soli si valutano i pro e i contro, si riesaminano le proprie azioni o i propri pensieri.

Parlare a se stessi aiuta a gestire lo stress. Senza contare, come si accennava prima, che in questo modo ci si sfoga. Quando si è nervosi e adirati, cosa c’è di meglio che sfogarsi sproloquiando ad alta voce? È un modo per esternare le emozioni, magari sensazioni che altri non riuscirebbero nemmeno a capire. E ancora, tra i benefici c’è la migliore capacità di focalizzarsi sugli obiettivi.

Quante volte capita di perdere qualcosa e di ripercorrere mentalmente i propri gesti svolti poco prima? Farlo ad alta voce aiuta a concentrarsi e a ricordare meglio. In questo modo si migliorano concentrazione e memoria. Non è un caso se a scuola ci hanno insegnato a studiare e a ripetere la lezione ad alta voce. In questo modo si facilita il processo mnemonico. Naturalmente, come per ogni cosa, ci deve essere un limite.

Potrebbero interessarti anche → Come pesarsi nel modo corretto: i 6 errori da non commettere

Parlare da soli perennemente, oppure in mezzo alla folla, non è certo un buon sintomo. Ciò potrebbe essere alla base di qualche patologia o disturbo. Tra gli effetti negativi ci sono solitudine, che spesso sconfina nella depressione, oppure sdoppiamenti di personalità. O anche rifiuto del mondo esterno, sentirsi soli e incompresi, o ancora, incapacità di sapersi relazionare con altre persone, fino ai gravi casi di allucinazioni uditive. In tal caso, meglio ricorrere a un supporto terapeutico, contattando uno psichiatra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *