Sedativo naturale contro ansia e insonnia: la pianta ideale

C’è una pianta che può fare da sedativo naturale contro ansia e insonnia, quindi non c’è nessun motivo per non usarla, ecco di cosa si tratta.

tisana calmante
Tisana (Pixabay)

Molte persone hanno problemi con ansia e stress, per non parlare dell’insonnia. Ma invece di ricorrere a farmaci che potrebbero dare qualche effetto collaterale, creare dipendenza, si possono usare dei rimedi del tutto naturali. Uno di questi è una pianta che può fare da sedativo naturale.

Si tratta della melissa, di cui avrete già sentito parlare per le sue proprietà. Da tanto tempo questa pianta viene usata come medicinale perchè può dare all’organismo enormi benefici sotto diversi aspetti. Dal punto di vista scientifico possiamo dire che il suo nome è Melissa Officinalis, è una pianta di tipo perenne che appartiene alla famiglia delle Lamiaceae. Ha un aspetto particolare ed è una pianta aromatica.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Tisana brucia grassi: da bere 3 volte al giorno per appiattire la pancia

Non c’è nessun motivo per continuare a non assumere una bella e calda tisana di melissa. Anche se siamo in primavera alla sera fa ancora un po’ freddo, quindi si può approfittarne. Vediamo come poterla preparare e bere, le sue proprietà e tutte le sue caratteristiche.

Melissa: un sedativo naturale per ansia e insonnia

melissa
Melissa (Pixabay)

Vediamo subito, innanzitutto, come poter preparare un tè o una tisana alla melissa. È molto facile perchè avrete bisogno soltanto delle sue foglie. Prendetene poi un cucchiaio da mettere in acqua calda, lasciate riposare per qualche minuto coprendo il pentolino e poi potrete filtrare e bere.

In alternativa potete anche realizzare il succo di melissa. Per questo dovete frullare mezza tazza di foglie tritate, 200 m di acqua, il succo di un limone e qualche cubetto di ghiaccio. Filtrate prima di bere questa bevanda del tutto rinfrescante e benefica.

Una volta capito com’è facile pensare alla sua preparazione per poterla assumere, vi diremo tutti i benefici che questa pianta può avere sull’organismo:

  • Combatte l’ansia e lo stress: l’acido rosmarinico contenuto nelle foglie riesce ad attivare quei ricettori del cervello responsabili del rilassamento. Per questo ci sono capsule di melissa indicate per chi soffre di ansia;
  • Migliora il sonno: il componente che abbiamo appena nominato la rende un’ottima alleata del sonno. Chi ha problemi di insonnia può certamente assumere la melissa, anche in capsule, in modo da ottenere un rilassamento generale e conciliare il sonno;
  • Aiuta nel trattamento dell’Alzheimer: i composti fenolici presenti nella pianta possono inibire la diminuzione dell’acetilcolina, un enzima responsabile della memoria, che si verifica quando una persona soffre di questa malattia;
  • È un ottimo antiossidante: i flavonoidi possono prevenire le malattie cardiovascolari;
  • Elimina le infezioni: combatte i funghi e i batteri con l’acido rosmarinico, caffeico e cumarico;
  • Aiuta il tratto intestinale: elimina i gas e riesce a migliorare l’attività dello stomaco e dell’intestino evitandone i disturbi correlati;
  • Allevia il mal di testa: grazie alle sue proprietà analgesiche.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Mal di testa dopo aver mangiato, quando la cefalea ha inizio nello stomaco

Inoltre, può aiutare le donne con la sindrome premestruale e i dolori che ne derivano. Può essere un buon trattamento per l’herpes. Ci sono davvero moltissimi studi e molti esperimenti che possono dimostrare scientificamente tutto questo.

Attenzione agli effetti collaterali

Anche se si tratta di un elemento naturale è sempre il caso di rivolgersi ad un medico o ad un esperto prima di decidere di assumere in modo continuativo a melissa. Se si stanno assumendo già dei farmaci o altri prodotti naturali per migliorare il sonno o trattare l’ansia, ad esempio, bisogna fare molta attenzione e non creare un contrasto.

Inoltre, è consigliato dagli esperti un uso a breve durata. Se assunta per lunghi periodi di tempo possono esserci degli effetti collaterali come la nausea, le vertigini, il mal di testa, sonnolenza e calo della pressione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *